Juventus e Cuadrado ancora insieme, domani l'incontro decisivo

Immagine
Sembra ormai tutto fatto per il rinnovo di Juan Cuadrado con la Juventus. Come riportato da TMW, domani dovrebbe andare in scena l’incontro tra Fabio Paratici e l’agente del calciatore, Alessandro Lucci, per limare i dettagli relativi al nuovo accordo. Tutto lascia comunque pensare a un futuro del colombiano ancora in bianconero.

Non è ancora del tutto ultimato ma siamo molto vicini ". Cosi, pochi giorni fa, Fabio Paratici sul nuovo contratto di Juan Guillermo Cuadrado. Il colombiano è in scadenza con la Juventus ma il rinnovo è a un passo. Domani dovrebbe andare infatti in scena il contatto con l'agente Alessandro Lucci per limare i dettagli sul nuovo accordo. Per Cuadrado futuro ancora in bianconero.

Inter, Marotta "Icardi e Nainggolan fuori dal progetto". Intervista integrale

Intervista a tutto campo a Beppe Marotta

Beppe Marotta, ci troviamo nella nuova sede dell'Inter, nel cuore di Milano. Il quartier generale è già da Champions League. Il resto della costruzione, a cominciare dalla squadra, a che punto del percorso si trova?

"Innanzitutto sono molto orgoglioso di far parte di questo progetto. Progetto che coinvolge Suning come modello vincente, la famiglia Zhang e soprattutto la storia dell'Inter. I valori sono rappresentati da questi trofei, i valori sono quelli che rappresentano poi il diritto da parte del management di scegliere gli uomini che accompagnano a questi obiettivi che sono soprattutto rappresentati dalla cultura della vittoria e del lavoro e soprattutto da un grande senso di appartenenza".

È un'Inter profondamente rinnovata già adesso rispetto a un anno fa. E i cambiamenti - dirigenza, comunicazione, sede, guida tecnica e naturalmente la squadra - non sono finiti. È una sorta di anno zero?

"Diciamo che è un punto di partenza, nel senso che la società si è distinta soprattutto per cercare di dare un'identità precisa, nel dare stabilità finanziaria ed economica. La società è uscita dal settlement agreement: questo è un grande risultato e oggi inizia un nuovo percorso che ci porta ad alzare l'asticella verso traguardi più ambiziosi".

Com'è lavorare in un grande gruppo come Suning e con un presidente come Steven Zhang che rappresenta il potere degli investimenti cinesi, ha studiato nel mondo occidentale, ha una visione aperta sul mondo e in campo sportivo un grande spirito competitivo. Si ha l'impressione di trovarsi di fronte a un pezzo di futuro, non solo per la giovane età.

"Suning rappresenta innanzitutto un modello vincente nell'imprenditoria mondiale. I valori che questa azienda ha portato all'interno di questo mondo imprenditoriale li ha trasmessi all'Inter. Lo sta facendo soprattutto con la presenza di Steven Zhang, un giovane presidente che però ha dalla sua un'educazione cinese verso certi valori, una grande passione che aumenta di giorno in giorno e che lo porta a identificarsi diventando un grande punto di riferimento per tutti noi con la semplicità e l'umiltà che lo contraddistinguono. È un grande stimolo per lavorare insieme e raggiungere obiettivi importanti".

Com'è nata l'idea di portare Conte all'Inter?

"L'idea è nata semplicemente nell'ottica di trovare un profilo che racchiudesse i valori di cui parlavo prima e che potesse aiutare tutta la società a crescere ulteriormente e devo dire che di questa scelta siamo nettamente orgogliosi".

Marotta è d'accordo con Conte sul concetto di "ridimensionamento" dell'idea di pazza Inter?

"Credo che il dna di una società forse non si può cambiare o stravolgere, però posso dire che oggi l'obiettivo principale è quello di trovare continuità e stabilità".

Alla Juventus Marotta ha conosciuto l'allenatore vincente, il motivatore, l'innovatore, ma anche il lato spigoloso, come accade spesso con chi ha idee forti. Mai avuto dei dubbi legati proprio a questo aspetto?

"L'ho trovato uguale a prima, nel senso che le caratteristiche sono invariate. È un grande motivatore, non solo nei confronti della squadra, ma anche nei confronti della società e di tutti noi. Penso che lui curi i minimi particolari ed è proprio attraverso questa cura che si possono raggiungere traguardi importanti. Accanto a lui, possiamo tutti crescere insieme".

Da quando Marotta è arrivato all'Inter, ci sono state due situazioni che hanno portato molti a dire: "Ecco, si vede che c'è Marotta". Ovvero il provvedimento disciplinare a Nainggolan e la vicenda Icardi. Esiste un "metodo Marotta"?

"Non è un metodo Marotta, è un metodo che deve essere utilizzato in tutte le comunità: significa avere delle regole precise, avere dei diritti, ma soprattutto dei doveri. E questi doveri devono essere sempre rispettati".

Di sicuro il metodo Marotta esiste nella gestione del mercato in relazione alle disponibilità economiche e al criterio di sostenibilità. Com'è l'approccio e quello dell'Inter in questo senso, ora che siamo nel mezzo del calciomercato?

"Sono convinto che valga sempre l'equazione che non sempre vince chi spende di più. Credo invece che il compito del management di una società calcistica sia quello di porsi degli obiettivi, come quelli di partecipare con continuità alla Champions League. E alzare l'asticella nel campionato italiano, visto che siamo arrivati quarti, significa che abbiamo tre società davanti a noi: dobbiamo migliorare la nostra posizione e cercare di vincere la Coppa Italia perché è un trofeo che è assolutamente alla nostra portata. Questo lo si ottiene con un mix tra il costruire una squadra forte e il rispetto di equilibri patrimoniali, economici e finanziari. Questo è il mix vincente".

La nuova Inter di Conte parte con un obiettivo minimo?

"Nello sport e nel calcio in particolare non bisogna mai porsi dei limiti, bisogna invece dare sempre il massimo. Dietro a questo c'è poi quella che è l'alchimia giusta: se tutte le componenti riescono a spingere nella stessa direzione, se non si crea una cultura dell'alibi, credo che si possa trovare la strada per raggiungere un obiettivo magari straordinario per quel momento".

Icardi e anche Nainggolan non sono centrali nel nuovo progetto nerazzurro, almeno stando alle notizie di oggi. Hanno ingaggi rilevanti e non sono cessioni facili in assoluto. Come si esce da questa situazione?

"Se ne esce innanzitutto con la chiarezza e la trasparenza. In una progettualità bisogna anche trovare i profili giusti. Questa è la strada che stiamo percorrendo: abbiamo avuto modo di parlare con molta schiettezza ai diretti interessati, pur nel rispetto di quello che sono i loro valori contrattuali e professionali ma abbiamo spiegato quella che è la presa di posizione della società. Questo penso che sia l'elemento più importante. Entrambi sanno di questa situazione che non significa che vengano sminuite le loro capacità. Sono entrambi degli ottimi giocatori e degli ottimi talenti. Ma il talento da solo fa vincere le partite, poi è la squadra che fa vincere il campionato. Di conseguenza non rientrano nel nostro progetto, lo dico con la trasparenza e il rispetto che è loro dovuto".

Icardi sarà a disposizione di Conte? Potrà essere in qualche modo recuperato alla causa? E se sì, attraverso quale percorso?

"Una cosa è affermare che Icardi è sul mercato, una cosa è rispettare gli aspetti contrattuali, un accordo collettivo che prevede comunque che il calciatore debba prendere parte agli allenamenti. Noi non vogliamo assolutamente venir meno ai nostri doveri. Poi ci sono anche dei diritti come quello dell'allenatore di scegliere la formazione in campo".
Alla Juventus Marotta ha conosciuto l'allenatore vincente, il motivatore, l'innovatore, ma anche il lato spigoloso, come accade spesso con chi ha idee forti. Mai avuto dei dubbi legati proprio a questo aspetto?
"L'ho trovato uguale a prima, nel senso che le caratteristiche sono invariate. È un grande motivatore, non solo nei confronti della squadra, ma anche nei confronti della società e di tutti noi. Penso che lui curi i minimi particolari ed è proprio attraverso questa cura che si possono raggiungere traguardi importanti. Accanto a lui, possiamo tutti crescere insieme".
Da quando Marotta è arrivato all'Inter, ci sono state due situazioni che hanno portato molti a dire: "Ecco, si vede che c'è Marotta". Ovvero il provvedimento disciplinare a Nainggolan e la vicenda Icardi. Esiste un "metodo Marotta"?
"Non è un metodo Marotta, è un metodo che deve essere utilizzato in tutte le comunità: significa avere delle regole precise, avere dei diritti, ma soprattutto dei doveri. E questi doveri devono essere sempre rispettati".
Di sicuro il metodo Marotta esiste nella gestione del mercato in relazione alle disponibilità economiche e al criterio di sostenibilità. Com'è l'approccio e quello dell'Inter in questo senso, ora che siamo nel mezzo del calciomercato?
"Sono convinto che valga sempre l'equazione che non sempre vince chi spende di più. Credo invece che il compito del management di una società calcistica sia quello di porsi degli obiettivi, come quelli di partecipare con continuità alla Champions League. E alzare l'asticella nel campionato italiano, visto che siamo arrivati quarti, significa che abbiamo tre società davanti a noi: dobbiamo migliorare la nostra posizione e cercare di vincere la Coppa Italia perché è un trofeo che è assolutamente alla nostra portata. Questo lo si ottiene con un mix tra il costruire una squadra forte e il rispetto di equilibri patrimoniali, economici e finanziari. Questo è il mix vincente".
La nuova Inter di Conte parte con un obiettivo minimo?
"Nello sport e nel calcio in particolare non bisogna mai porsi dei limiti, bisogna invece dare sempre il massimo. Dietro a questo c'è poi quella che è l'alchimia giusta: se tutte le componenti riescono a spingere nella stessa direzione, se non si crea una cultura dell'alibi, credo che si possa trovare la strada per raggiungere un obiettivo magari straordinario per quel momento".
Icardi e anche Nainggolan non sono centrali nel nuovo progetto nerazzurro, almeno stando alle notizie di oggi. Hanno ingaggi rilevanti e non sono cessioni facili in assoluto. Come si esce da questa situazione?
"Se ne esce innanzitutto con la chiarezza e la trasparenza. In una progettualità bisogna anche trovare i profili giusti. Questa è la strada che stiamo percorrendo: abbiamo avuto modo di parlare con molta schiettezza ai diretti interessati, pur nel rispetto di quello che sono i loro valori contrattuali e professionali ma abbiamo spiegato quella che è la presa di posizione della società. Questo penso che sia l'elemento più importante. Entrambi sanno di questa situazione che non significa che vengano sminuite le loro capacità. Sono entrambi degli ottimi giocatori e degli ottimi talenti. Ma il talento da solo fa vincere le partite, poi è la squadra che fa vincere il campionato. Di conseguenza non rientrano nel nostro progetto, lo dico con la trasparenza e il rispetto che è loro dovuto".
Icardi sarà a disposizione di Conte? Potrà essere in qualche modo recuperato alla causa? E se sì, attraverso quale percorso?
"Una cosa è affermare che Icardi è sul mercato, una cosa è rispettare gli aspetti contrattuali, un accordo collettivo che prevede comunque che il calciatore debba prendere parte agli allenamenti. Noi non vogliamo assolutamente venir meno ai nostri doveri. Poi ci sono anche dei diritti come quello dell'allenatore di scegliere la formazione in campo".  
Le risultano incontri di Wanda Nara con i dirigenti della Juventus? Quella è l'unica possibile destinazione di Icardi?
"Nei giorni scorsi ho appreso, leggendo i giornali, di questo presunto incontro. Ma non ho elementi più concreti per stabilire se si siano visti o no. Non ci sarebbe neanche motivo di nasconderlo perché se questa o quella squadra volesse acquisire i diritti sportivi di Icardi, noi saremmo a disposizione per avviare una negoziazione nel rispetto della professionalità e dei valori di questo giocatore".
Godin, per una grande difesa con De Vrij e Skriniar, ma anche Lazaro. E potenzialmente Dzeko, Lukaku e Barella. Sensi a parte sembra una squadra molto muscolare. Sarà questa la caratteristica principale dell'Inter? Sarà una squadra di lotta, o almeno anche di lotta?
"Si sa che tra i grandi pregi di Conte c'è quello di valorizzare al massimo le risorse che ha a disposizione. Nel valorizzare c'è anche poi un aspetto agonistico che deve essere privilegiato. Conte lo interpreta nel migliore dei modi e lo sa far interpretare ai suoi giocatori. Soprattutto, quello che ha caratterizzato l'acquisizione di giocatori contrastanti è proprio il fatto che ci troviamo davanti a un mix di giovani e anziani. Da una parte l'esperienza e la competenza, dall'altra la gioventù e il dinamismo. Noi abbiamo voluto creare uno spogliatoio che possa rappresentare e configurare questi valori".   
Il caso Barella: lui vuole l'Inter. L'avrà?
"Da parte nostra c'è la convinzione e la voglia di poter definire questa acquisizione. Non è facile perché giustamente i diritti sportivi sono del Cagliari ed è giusto che il Cagliari, nella persona del suo presidente, possa poi richiedere la cifra che desidera. Stiamo negoziando, da parte nostra c'è la volontà di portarlo nell'Inter perché rappresenta e incarna valori importanti. Credo che una squadra italiana debba avere uno zoccolo duro per poter arrivare a risultati importanti".    
Giovani italiani forti: Sensi, Politano che già c'era, Barella stesso se verrà, per fare alcuni esempi. Anche questo è parte del metodo Marotta?
"Il campionato italiano ha delle caratteristiche di grandissima difficoltà e quindi gli italiani lo capiscono più facilmente degli stranieri. Hanno un senso di appartenenza forte, che possono poi trasmettere ai giocatori stranieri che arrivano. E soprattutto ritengo che il patrimonio calcistico nazionale venga valorizzato attraverso l'acquisizione da parte dei club italiani, come per esempio l'Inter. L'Italia calcistica esprime dei grandi talenti nell'ambito degli allenatori, ma anche e soprattutto dei giocatori".
La nuova Inter è anche Inter femminile. Come vede lo sviluppo del movimento, anche grazie a quello che hanno fatto le Azzurre ai Mondiali?
"Abbiamo assistito a uno spot bellissimo per il movimento calcistico, che è stato quello dei Mondiali femminili. Dico che è il calcio di tutti e, di conseguenza, il fatto che le bambine si avvicinino da piccole a questa disciplina è un fatto rilevante, di aggregazione, molto forte. Noi dirigenti dobbiamo cercare di sviluppare questo fenomeno, che per noi è straordinario, mentre negli Stati Uniti è abbastanza ordinario. Ma anche questo fenomeno nasconde dei valori molto importanti perché dietro a una palla che corre c'è tantissimo entusiasmo, tantissime emozioni che vengono regalate".

"Nei giorni scorsi ho appreso, leggendo i giornali, di questo presunto incontro. Ma non ho elementi più concreti per stabilire se si siano visti o no. Non ci sarebbe neanche motivo di nasconderlo perché se questa o quella squadra volesse acquisire i diritti sportivi di Icardi, noi saremmo a disposizione per avviare una negoziazione nel rispetto della professionalità e dei valori di questo giocatore".

Godin, per una grande difesa con De Vrij e Skriniar, ma anche Lazaro. E potenzialmente Dzeko, Lukaku e Barella. Sensi a parte sembra una squadra molto muscolare. Sarà questa la caratteristica principale dell'Inter? Sarà una squadra di lotta, o almeno anche di lotta?

"Si sa che tra i grandi pregi di Conte c'è quello di valorizzare al massimo le risorse che ha a disposizione. Nel valorizzare c'è anche poi un aspetto agonistico che deve essere privilegiato. Conte lo interpreta nel migliore dei modi e lo sa far interpretare ai suoi giocatori. Soprattutto, quello che ha caratterizzato l'acquisizione di giocatori contrastanti è proprio il fatto che ci troviamo davanti a un mix di giovani e anziani. Da una parte l'esperienza e la competenza, dall'altra la gioventù e il dinamismo. Noi abbiamo voluto creare uno spogliatoio che possa rappresentare e configurare questi valori".

Il caso Barella: lui vuole l'Inter. L'avrà?

"Da parte nostra c'è la convinzione e la voglia di poter definire questa acquisizione. Non è facile perché giustamente i diritti sportivi sono del Cagliari ed è giusto che il Cagliari, nella persona del suo presidente, possa poi richiedere la cifra che desidera. Stiamo negoziando, da parte nostra c'è la volontà di portarlo nell'Inter perché rappresenta e incarna valori importanti. Credo che una squadra italiana debba avere uno zoccolo duro per poter arrivare a risultati importanti".

Giovani italiani forti: Sensi, Politano che già c'era, Barella stesso se verrà, per fare alcuni esempi. Anche questo è parte del metodo Marotta?

"Il campionato italiano ha delle caratteristiche di grandissima difficoltà e quindi gli italiani lo capiscono più facilmente degli stranieri. Hanno un senso di appartenenza forte, che possono poi trasmettere ai giocatori stranieri che arrivano. E soprattutto ritengo che il patrimonio calcistico nazionale venga valorizzato attraverso l'acquisizione da parte dei club italiani, come per esempio l'Inter. L'Italia calcistica esprime dei grandi talenti nell'ambito degli allenatori, ma anche e soprattutto dei giocatori".

La nuova Inter è anche Inter femminile. Come vede lo sviluppo del movimento, anche grazie a quello che hanno fatto le Azzurre ai Mondiali?

"Abbiamo assistito a uno spot bellissimo per il movimento calcistico, che è stato quello dei Mondiali femminili. Dico che è il calcio di tutti e, di conseguenza, il fatto che le bambine si avvicinino da piccole a questa disciplina è un fatto rilevante, di aggregazione, molto forte. Noi dirigenti dobbiamo cercare di sviluppare questo fenomeno, che per noi è straordinario, mentre negli Stati Uniti è abbastanza ordinario. Ma anche questo fenomeno nasconde dei valori molto importanti perché dietro a una palla che corre c'è tantissimo entusiasmo, tantissime emozioni che vengono regalate".

Commenti

Post popolari in questo blog

Juventus e Cuadrado ancora insieme, domani l'incontro decisivo

CALCIO Kylian Mbappé scartato dal Chelsea nel 2012: "Non difendeva"

Serie A, tutte le terze maglie del campionato 2018-2019. FOTO