Juve-Napoli, tolto il divieto ai nati in Campania

Immagine
Così il Prefetto di Torino Claudio Palomba: "C'è stato un ravvedimento, ha prevalso il buon senso"

TORINO - Non saranno acquistabili dai residenti in Campania i biglietti di Juventus-Napoli, big match della seconda giornata di campionato. Lo ha stabilito il Gruppo Operativo di Sicurezza (GOS), che si è riunito oggi per definire le modalità di vendita dei tagliandi. Lo rende noto, sul proprio sito, la Juventus, criticata per avere anticipato nei giorni scorsi il divieto. Tra le disposizioni non compareinvece il divieto di vendita ai nati in Campania, che invece veniva annunciato nelle disposizioni rese note dalla Juve prima della riunione odierna del Gos.
Le parole del prefetto di Torino

Il Dott. Claudio Palomba, Prefetto di Torino, è intervenuto ai microfoni di CalcioNapoli24 Live in merito alla polemica sulla decisione di vietare la vendita dei biglietti per il match Juve-Napoli in programma all'Allianz Stadium il prossimo 31 agosto, non solo ai residenti, ma anche ai …

Maurizio Sarri alla Juve: l'incontro con il Chelsea dà fiducia ai bianconeri. Le news





Ore decisive per il futuro di Maurizio Sarri. L'allenatore, fresco del trionfo in Europa League con il Chelsea, si è visto con il suo agente, Fali Ramadani, il quale lo ha "preparato" a un incontro che poi l'allenatore ha avuto individualmente con Marina Granovskaia, plenipotenziaria di Abramovich per i Blues. In questo colloquio Sarri ha ribadito un concetto e una richiesta espressi già circa un mese fa: la sua decisione di lasciare il Chelsea e tornare in Italia. I motivi che stanno dietro questa volontà sono tecnici, personali e familiari, dettati anche dal suo modo di vedere il calcio. Quindi si tratta di una decisione che aveva già preso e che ha ribadito nell'incontro con Marina. Si è trattato di un confronto caratterizzato da grande complicità tra le parti, nessuna freddezza. Marina ha preso atto della richiesta (o esigenza) di Sarri e ha promesso di parlarne in tempi brevi con Abramovich, chiedendo qualche giorno di tempo. Anche per trovare un sostituto, che in realtà il Chelsea avrebbe già in mano, che risponde al nome di Frankie Lampard. Quindi nei prossimi giorni il Chelsea comunicherà a Sarri e al suo entourage la decisione finale e le eventuali condizioni di uscita. Sarri (e la Juve) si aspettano ovviamente che non ci siano ostacoli e nemmeno indennizzi particolari visti i rapporti tra le parti in causa. Anche oggi Sarri e la Juve sono rimasti in stretto contatto, mantenendosi reciprocamente la promessa di matrimonio e la volontà di passare alle firme quando ci sarà il "via libera definitivo". Quindi servirà qualche giorno per completare l'iter, al netto di eventuali capricci (economici) di Abramovich. Che ad oggi però sono un'eventualità improbabile.

Commenti

Post popolari in questo blog

Juve-Napoli, tolto il divieto ai nati in Campania

Champions league goal in trasferta e 5° cambio: l'Uefa valuta modifiche