Scambio Pjanic-Arthur, definito l’accordo. Domani a Torino le visite mediche per entrambi, poi le firme

Immagine
Le visite mediche saranno domani e saranno a Torino. Per entrambi. Arthur Melo si sta vestendo di bianconero e Miralem Pjanic di blaugrana, ma il luogo in cui svolgerà l’ultimo adempimento burocratico sarà il J Medical. Insomma, Juventus e Barcellona hanno definito lo scambio tra i due talenti del centrocampo: dopo che sono stati limati i dettagli, soprattutto assicurativi, tra i due club, ecco il momento dei test medici domenicali.

Non sarà il bosniaco a volare in Catalogna, ma sarà il brasiliano a spostarsi in Italia, nella sua futura città, in compagnia dei medici blaugrana. Arriverà già stanotte, intanto è partito dalla panchina nel match del Barcellona contro il Celta Vigo. L'obiettivo è ufficializzare l'affare entro martedì prossimo, 30 giugno, per poter mettere a bilancio le plusvalenze nell'esercizio 2019-20

Juventus:la nuova maglia divide il popolo bianconero.

La nuova maglia della Juventus sta facendo il giro del web e ha già diviso i tifosi: nella prossima stagione il club campione d’Italia abbandonerà le classiche strisce bianconere per fare spazio a una sottile striscia rosa a metà tra i due colori simbolo. Ecco nel dettaglio il design della nuova casacca che Cristiano Ronaldo e compagni indosseranno nel 2019-2020.

La nuova maglia della Juventus dalla stagione 2019-2020: niente strisce bianconere e il rosa a dividere i due colori simbolo del club più titolato d'Italia



Il retro della nuova casacca juventina: numeri e nomi dei giocatori saranno in bianco su sfondo nero



Le tradizionali strisce bianconere restano solo all'altezza delle spalle, sia a destra che a sinistra.
La nuova maglia ha già diviso i tifosi: c'è chi plaude al cambiamento e chi, invece, resta più legato alla tradizione e critica il nuovo design.

Commenti

Post popolari in questo blog

Scambio Pjanic-Arthur, definito l’accordo. Domani a Torino le visite mediche per entrambi, poi le firme

Figc, Gravina lancia l'Europeo in Italia: "2028? È più di un'idea"