Corona virus: Mihajlovic positivo al ritorno a Bologna è asintomatico, ora due settimane di isolamento

Immagine
Sinisa Mihajlovic è risultato positivo al Covid-19 al tampone di controllo a cui è stato sottoposto dopo il rientro di venerdì scorso a Bologna. A comunicarlo è stato lo stesso club rossoblù in una nota ufficiale. Secondo quanto riferisce la società, il tecnico serbo, 51 anni, è assolutamente asintomatico: come previsto dal Protocollo Nazionale, resterà in isolamento per le prossime due settimane.

Sono stati effettuati in questi giorni anche i tamponi sul gruppo squadra della Primavera, risultati tutti negativi. Domani, il giorno in cui è in programma il raduno a Casteldebole in vista della nuova stagione, saranno effettuati i test sui giocatori e i collaboratori della Prima squadra. Circa un anno fa il tecnico del Bologna annunciò di essere affetto da leucemia ed è stato sottoposto anche a un trapianto di midollo.

Inter Lazio 0-1, gol e highlights. Decide Milinkovic, biancocelesti in corsa Champions



A San Siro un gol di testa di Milinkovic-Savic regala il successo alla Lazio, che torna in corsa per un posto Champions. L'Inter non sfrutta l'occasione per consolidare il terzo posto dopo il ko del Milan. In tribuna, ad assistere al match, Icardi con Wanda Nara.
INTER-LAZIO 0-1

12' Milinkovic-Savic

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio (79' Candreva), Skriniar, Miranda, Asamoah; Vecino, Brozovic; Politano, Borja Valero (74' Nainggolan), Perisic; Keita (84' Joao Mario). All. Spalletti


LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Bastos; Romulo, Milinkovic-Savic, Lucas Leiva, Luis Alberto (67' Parolo), Lulic (87' Durmisi); Correa (28' Caicedo); Immobile. All. Inzaghi




Un gol di Milinkovic-Savic, grande a cui si rimproverava di non segnare alle grandi, e la Lazio esce da San Siro con una vittoria che sa di colpaccio. La zona Champions, infatti, torna improvvisamente a portata di mano grazie ai ko di Milan e Roma (scavalcata in classifica), con la squadra di Inzaghi, a -3 dai rossoneri quarti, che potrebbe raggiungerli vincendo la partita con l'Udinese che deve recuperare.

Lazio potenzialmente quarta, dunque; Inter sempre terza, ma i nerazzurri hanno perso la grande occasione di consolidare il loro piazzamento, aumentando il vantaggio sul Milan. Eppure era stata molto determinata la partenza degli uomini di Spalletti, in campo con l'ex Keita centravanti e con Mauro Icardi ad assistere in tribuna: Skriniar si mangia il vantaggio e poco dopo, quando la pressione nerazzurra sembrava più intensa, la Lazio capovolge il fronte e con Milinkovic-Savic trova il vantaggio di testa, su pennellata di Luis Alberto. La gara si infiamma e piovono occasioni (per Keita e Bastos le migliori, Handanovic super in un paio di circostanze), e nella ripresa Spalletti le prova tutte alla ricerca del pareggio, inserendo Nainggolan e mandando anche Vecino a fare il centravanti supportato dalle ali Politano e Perisic. L'assedio finale produce solo qualche spavento per la Lazio, ma il risultato non cambia: e adesso la corsa Champions si fa ancora più interessante

Commenti

Post popolari in questo blog

Serie A, tutte le terze maglie del campionato 2018-2019. FOTO

Empoli Juventus 1 2: gol e highlights. Cristiano Ronaldo firma la rimonta con un rigore e una magia da fuori area