Post

Visualizzazione dei post da ottobre 14, 2018

Corsa Champions, calendario e combinazioni dell'ultima giornata

Immagine
A 90 minuti (e oltre) dal termine del campionato ci sono ancora 4 squadre in lizza per i due posti in Champions e i due in Europa League. Atalanta e Inter guidano il gruppo e dipendono da loro stesse, un punto dietro il Milan e tre sotto la Roma, che però può ancora sperare di arrivare al quarto posto in caso di particolari combinazioni di risultati. Andiamo a vedere nel dettaglio calendario, combinazioni e classifiche avulse.


questo campionato che, scudetto a parte, sembra non voler finire mai, ci saranno ancora tantissimi verdetti da decidere nell'ultima emozionante giornata di Serie A. La terza squadra che retocederà in B assieme a Chievo e Frosinone, le due che andranno in Europa League e le altre due che, insieme a bianconeri e Napoli, staccheranno il biglietto per la prossima edizione della Champions League. Grazie ai risultati dell'ultima giornata ci sono ancora quattro squadre teoricamente ancora tutte in corsa, con situazioni però diverse da caso a caso. L'Atalant…

Milan, Higuain: "Juve? Sì, mi hanno cacciato..."

Immagine
Gonzalo Higuain torna ad affrontare il suo passato bianconero. Nell'intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, in edicola oggi, il Pipita racconta la sua versione dei fatti. E lo fa senza mezzi termini non nascondendo un pizzico di delusione per il trattamento ricevuto dalla Juventus ("per la quale ho dato tutto") e confessando di essere stato messo alla porta dopo l'arrivo di CR7: "Non ho scelto io di andare, volevano fare il salto di qualità con Ronaldo perciò mi hanno detto che non potevo restare e che stavano cercando una soluzione".
Possiamo dire che la situazione con la Juve ha preso una brutta piega dalla finale di Coppa Italia in poi?



"Dentro di me quel giorno ho avuto la sensazione che sì, forse sapevo che si era rotto qualcosa. E poi hanno preso Ronaldo. La decisione di andare via non è mia. Ho dato tutto per la Juve, ho vinto diversi titoli, dopo di che è arrivato Cristiano, il club voleva fare un salto di qualità e mi hanno detto che n…

Ritorna il campionato:Derby Inter-Milan, Nainggolan: "Nostro livello più alto ma il Milan ci farà sudare"

Immagine
Il centrocampista belga si racconta a 360° ai microfoni de la Gazzetta dello Sport. Dal rapporto con Spalletti all’antipatia nei confronti della Juve, passando per il burrascoso addio alla Roma: “Non è dipeso da me – le sue parole – volevano soldi da una mia cessione all’estero. A Milano adesso sto benissimo. E qui il Presidente non si vede una volta all’anno…”

Di derby ne ha giocati diversi con la maglia della Roma. Radja Nainggolan sa cosa significhi una stracittadina, il calore della gente, uno stadio che ribolle. Troverà tutto questo nella sfida con il Milan di domenica sera: “Ma vivo questa vigilia in maniera serena - racconta in esclusiva alla Gazzetta dello Sport - è un mio pregio preparare tutte le partite allo stesso modo. Ma sono curioso di scoprire il mio primo derby di Milano, sono le sfide che mi piacciono, sai già cosa ti stai giocando”. Serviranno i suoi muscoli a Luciano Spalletti, che da quando lo ha recuperato dall’infortunio al retto femorale non ci ha più rinuncia…

Le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 17 ottobre 2018

Immagine

Francia-Germania 2-1: i Bleus vincono in rimonta con la doppietta di Griezmann

Immagine
Un buon primo tempo per i tedeschi che chiudono avanti col rigore di Kroos, ma nella ripresa gran rimonta dei campioni del mondo con la doppietta dell'attaccante dell'Atletico. Adesso Neuer e compagni sono a serio rischio retrocessione.


Francia-Germania non ha deluso le aspettative di spettacolo. Allo Stade de France l'inizio sembrava a favore dei tedeschi, passati in vantaggio col rigore trasformato da Kroos al 14'. La Francia, sempre in partita, ha dato il meglio di sé nella ripesa. Ci ha pensato Griezmann: prima un colpo di testa da centro area, poi su rigore, a chiudere la gara.
Una Francia a due volti. Come la Germania. Così dalla serata allo Stade de France viene fuori una sorta di melodramma calcistico con i Bleus che vanno sotto e poi tornano a risplendere, e i tedeschi che prima mostrano il loro miglior calcio dell'anno e poi tornano nel tunnel della crisi. I campioni del Mondo comunque vincono in rimonta per 2-1 con doppietta di Griezmann, in replica al v…

Brasile-Argentina 1-0, la decide l'interista Miranda

Immagine
Con un colpo di testa al 93’, il difensore nerazzurro ha regalato ai verdeoro la vittoria dopo una gara povera di emozioni. Problema al ginocchio per Dybala, sostituito da Simeone.





A Jedda, Arabia Saudita, il Brasile ha battuto la rivale Argentina per 1-0, grazie a un gol dell’interista Miranda al 93’. Quando ormai tutti si aspettavano i rigori per decidere la coppetta messa in palio per l’occasione, il difensore nerazzurro ha regalato la vittoria alla squadra di Tite. Le due federazioni dei Paesi sudamericani avevano annunciato la partita come un’amichevole, ma in realtà l’incontro era valido per il trofeo Superclassico Championship: un torneo a cui partecipano pure l’Arabia Saudita, padrona di casa, e l’Iraq. Il Brasile aveva battuto i sauditi, mentre l’Argentina aveva superato gli iracheni. Adesso i verdeoro sono destinati alla vittoria finale.


MOLTI CAMBI — Allo Stadio King Abdullah, riempito da oltre 62 mila paganti, entrambe le squadre si sono presentate con vari cambi rispett…

Nazionale, Mancini: "Nessun problema centravanti. Vittoria? Primi frutti, ma non mi esalto"

Immagine
Il c.t. si gode la prima prestazione convincente della sua squadra, quella in Polonia. Stamattina è stato applaudito nella sede delle Poste Italiane, dove si è svolta la premiazione dei campioni “azzurri partner cup”.
Roberto Mancini si gode gli effetti positivi della prima prestazione convincente della sua Nazionale, quella in Polonia. E stamattina è stato applaudito nella sede delle Poste Italiane, dove si è svolta la premiazione dei campioni “Azzurri partner cup” vinta proprio dalla squadra delle Poste. A margine il c.t. ha detto che “non esiste un problema centravanti, ma dobbiamo solo lavorare tanto insieme per migliorare qualità di gioco e intesa. Cominciamo a vedere i primi frutti ma il lavoro è lungo. Non mi sono abbattuto prima, non mi esalto ora”.
Il tema è sempre scottante, nei nostri stadi impera ignoranza e maleducazione, come ha sottolineato nei giorni scorsi Carlo Ancelotti. “Ha ragione Carlo - aggiunge Mancini - anche io allenando in Premier mi sono reso conto come li ci…

Nations League ,Spagna Inghilterra 2-3: doppio Sterling e Rashford, colpo dei Tre Leoni a Siviglia

Immagine
Successo della Nazionale di Southgate all'Estadio Benito Villamarín nel gruppo 4 della Nations League: due reti di Sterling intervallate da Rashford valgono il 3-2 inglese, sconfitta casalinga che la Spagna non incassava da 15 anni. Inutii i guizzi di Alcácer e Ramos nella ripresa. L’Inghilterra si porta a quota 4 punti, due in meno della Roja che spreca il primo match point per accedere alla Final Four.
SPAGNA-INGHILTERRA 2-3

16' e 38' Sterling (I), 30' Rashford (I), 58' Alcácer (S), 97' Ramos (S)

Spagna (4-3-3): De Gea; Jonny, Ramos, Nacho, Alonso; Thiago, Busquets, Saúl (57' Alcácer); Aspas (57' Ceballos), Rodrigo (72' Morata), Asensio. Ct: Luis Enrique


Inghilterra (4-3-3): Pickford; Trippier (85' Alexander-Arnold), Gomez, Maguire, Chilwell; Barkley (76' Walker), Dier, Winks (90' Chalobah); Sterling, Kane, Rashford. Ct: Southgate

Ammoniti: Dier (I), Ramos (S), Winks (I), Maguire (I), Jonny (S), Ceballos (S)




Altro che talismano dell’invincib…

I quotidiani sportivi commentano così la vittoria dell'Italia contro la Polonia in Nation League

Immagine

Nations League, Italia Polonia 1-0. Decide un gol di Biraghi nei minuti di recupero

Immagine
Dopo sette palle gol nitide l'Italia sblocca la partita contro la Polonia con Biraghi. Traverse di Jorginho e Insigne, occasioni sprecate e una vittoria meritata che arriva solo nel finale da palla inattiva. Azzurri a quota 4. Polonia retrocessa.
tabellino


Italia (4-3-3): Donnarumma; Florenzi (84' Piccini), Bonucci, Chiellini, Biraghi; Verratti, Jorginho, Barella; Bernardeschi (81' Lasagna), Insigne, Chiesa. Ct: Mancini

Polonia (4-3-1-2): Szczesny; Bereszynski, Glik, Bednarek, Reca (87' Jedrzejczyk); Szymanski (46' Grosicki), Góralski, Linetty (46' Blaszczykowski); Zielinski; Lewandowski, Mililk. Ct: Brzeczek

Ammoniti: Jorginho (I).


L'Italia ottiene un meritato successo solo in pieno recupero, dopo aver creato tanto, espresso sprazzi di ottimo gioco e concesso qualcosa nella ripresa. Decide Biraghi su azione d'angolo, condannando i polacchi alla Lega B di Nations League.