Corona virus: Mihajlovic positivo al ritorno a Bologna è asintomatico, ora due settimane di isolamento

Immagine
Sinisa Mihajlovic è risultato positivo al Covid-19 al tampone di controllo a cui è stato sottoposto dopo il rientro di venerdì scorso a Bologna. A comunicarlo è stato lo stesso club rossoblù in una nota ufficiale. Secondo quanto riferisce la società, il tecnico serbo, 51 anni, è assolutamente asintomatico: come previsto dal Protocollo Nazionale, resterà in isolamento per le prossime due settimane.

Sono stati effettuati in questi giorni anche i tamponi sul gruppo squadra della Primavera, risultati tutti negativi. Domani, il giorno in cui è in programma il raduno a Casteldebole in vista della nuova stagione, saranno effettuati i test sui giocatori e i collaboratori della Prima squadra. Circa un anno fa il tecnico del Bologna annunciò di essere affetto da leucemia ed è stato sottoposto anche a un trapianto di midollo.

Nations League: Italia-Portogallo, le probabili formazioni



Ultime prove a Coverciano per il Ct Mancini, che pare avere un unico grande dubbio riguardante l’attacco, dove al centro del tridente agirà soltanto uno fra Immobile e Berardi. Da valutare poi le condizioni di qualche giocatore non ancora al meglio, con il modulo che dovrebbe essere il solito 4-3-3. Attese 70mila persone a San Siro

E’ passato poco più di un anno dalla cocente sconfitta subita dalla Svezia. Dalla storica mancata qualificazione al Mondiale ad un'altra piccola “finale”. Quella contro il Portogallo, novanta minuti che potrebbero valere il primato nel proprio gruppo di Nations League. Certo, la situazione è piuttosto complicata, anche perché non dipende solo ed esclusivamente da quello che faranno gli azzurri. La classifica al momento dice che il Portogallo è primo a quota sei punti, poi l’Italia dietro a quattro. La squadra di Mancini ha solo un’ultima partita da giocare dopo la vittoria ottenuta con la Polonia, mentre quella di Fernando Santos altre due. Chiellini e compagni chiuderebbero al primo posto solo se il Portogallo dovesse perdere entrambe le volte, o se facesse un punto rispetto agli ipotetici tre dell’Italia. In quest’ultimo caso gli azzurri dovrebbero però vincere contro i lusitani con più di un gol di scarto, dato che la gara di andata li ha visti uscire sconfitti di misura per 1 a 0.
Le probabili scelte di Mancini

Insomma, l’Italia ha l’occasione di poter riscattare in parte il clamoroso ko con la Svezia. Potrà farlo di nuovo a San Siro, che per l’occasione ha risposto presente, come dimostrano i 70mila biglietti venduti. Per quanto riguarda l’undici iniziale, le scelte di Mancini poggiano sul dubbio Berardi-Immobile nel tridente. I due, infatti, sono stati alternati dal Ct nelle ultime prove in quel di Coverciano, dove sono state valutate anche le condizioni di qualche giocatore non ancora al meglio. Detto questo, il modulo sarà sempre il 4-3-3, con Donnarumma fra i pali, Bonucci e Chiellini al centro affiancati da Florenzi a destra e Biraghi a sinistra. Mediana a tre con Jorginho in posizione di regista, Verratti mezz’ala sinistra e Barella dall’altra parte. Tridente offensivo sicuro per due terzi, ovvero Chiesa a destra, Insigne a sinistra e uno fra Immobile o Berardi al centro dell’attacco.

Commenti

Post popolari in questo blog

Milan, ecco Daniel Maldini: per il figlio di Paolo prima volta tra i convocati

Juve, Demiral si presenta: "Essere qui un sogno, voglio restare a lungo. Chiellini idolo"