Juventus Cagliari 3-1, gol e highlights: bianconeri di nuovo a +6 su Napoli e Inter




I bianconeri rispondono alle 'manite' di Napoli e Inter soffrendo ma battendo un ottimo Cagliari. Vantaggio lampo (42 secondi) di Dybala, pareggia Joao Pedro, poi l'autogol di Bradaric e la rete di Cuadrado nel finale lanciano la Juve, che firma il suo miglior avvio di campionato di sempre.

JUVENTUS-CAGLIARI 3-1

1' Dybala (J), 36' Joao Pedro (C), 38' aut. Bradaric (C), 87' Cuadrado (J)

Juventus (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Benatia, De Sciglio; Bentancur, Pjanic (70' Alex Sandro), Matuidi (82' Barzagli); Douglas Costa (46' Cuadrado), Cristiano Ronaldo, Dybala. All: Allegri

Cagliari (4-3-1-2): Cragno; Srna, Ceppitelli, Pisacane, Padoin (80' Sau); Barella, Bradaric (56' Cigarini), Ionita (68' Faragò); Castro; Joao Pedro, Pavoletti. All: Maran

Ammoniti: Bradaric (C), Pavoletti (C), Pisacane (C), Matuidi (J)


Forse non convinta come Napoli e Inter, che avevano dato le loro prove di forza con una manita a testa, ma la risposta della Juventus c’è stata: 3-1 al Cagliari, inseguitrici ricacciate a -6 in classifica e adesso testa alla Champions, al Manchester United. Non inganni il risultato, arrotondato dai bianconeri solo nel finale quando Cuadrado l’ha chiusa in contropiede su invito di un generoso Cristiano Ronaldo. Prima di allora gli uomini di Maran erano rimasti in partita con una prova di carattere, pareggiando anche con Joao Pedro la rete iniziale di Dybala, giunta dopo appena 42 secondi di gioco e che quindi poteva rappresentare uno shock non da poco. I rossoblu invece si ricompongono, vanno sull’1-1, come detto, grazie alla girata in area del brasiliano imbeccato da un cross dalla destra di Srna, ma la loro gioia dura solo 2’, perché sulla sgommata sulla sinistra di Douglas Costa (riproposto titolare nel tridente da Allegri) Bradaric va in scivolata ad anticipare un attaccante bianconero che in realtà non c’è, e infila la propria porta. Nuovo shock e nuova prova di maturità del Cagliari, che resta in partita, rischia sul palo di Ronaldo in chiusura di tempo ma poi spaventa anche la capolista. Nel finale Pavoletti avrebbe anche la chance d’oro per pareggiare, ma Benatia lo contrasta ottimamente e dà il via al proverbio più antico del calcio. Dal gol sbagliato a quello di Cuadrado, che la chiude, passano pochi secondi. Ora per la Juve testa alla Champions, con il record di 10 vittorie e un pareggio nelle prime 11 giornate (mai un miglior avvio di campionato per i bianconeri) e con il +6 ritrovato sulle inseguitrici in classifica.

Commenti

Post popolari in questo blog

Serie A, tutte le terze maglie del campionato 2018-2019. FOTO

Modric-Inter: attesa per l'incontro con Florentino Perez e il Real