Juventus, intervento perfettamente riuscito per Chiellini: rientro previsto fra sei mesi

Immagine
Il capitano bianconero si è sottoposto questo pomeriggio ad intervento chirurgico di ricostruzione del legamento crociato del ginocchio destro. Operazione perfettamente riuscita. Tempi di recupero stimati in sei mesi.

eseguito presso la clinica Hochrum di Innsbruck dal professor Christian Fink alla presenza del medico sociale della Juventus dott. Tzouroudis, è perfettamente riuscito e i tempi di recupero previsti sono di circa 6 mesi. Insomma, la rincorsa verso il rientro è ufficialmente partita. A 35 anni non sarà semplice, ma Chiellini è pronto all'ennesima battaglia della sua carriera. E chissà che non possa tornare al top per aiutare i suoi compagni nella seconda parte di stagione, quella più importante, oltre che per convincere Mancini in ottica Euro 2020.
La sua presenza contro il Napoli

Nell'ultimo match giocato dalla Juventus, quello contro il Napoli, Chiellini non ha potuto prendere posto in campo. Lo ha fatto in panchina, nonostante fossero passate solo 24 ore dal ter…

Italia Usa 1-0: decide Politano al 94'. Debuttano Sensi, Grifo e Kean



Alla Luminus Arena di Genk gli Azzurri tornano in campo dopo il pareggio contro il Portogallo in Nations League: di fronte gli Stati Uniti di Sarachan, test amichevole che permette a Roberto Mancini di adottare esperimenti e novità. Esordio a centrocampo per Sensi, debuttante come Grifo e Kean nella ripresa. Italia vicina al vantaggio con Bonucci e Berardi, pericolosi anche Lasagna e Grifo.
ITALIA-USA 1-0

94' Politano

Italia (4-3-3): Sirigu; De Sciglio, Bonucci, Acerbi, Emerson; Barella (76' Gagliardini), Sensi, Verratti; Berardi (62' Kean), Lasagna (87' Politano), Chiesa (46' Grifo). Ct: Mancini

Usa (3-5-2): Horvath; Carter-Vickers, Zimmerman, Long; Cannon (75' Villafana), Delgado (62' Trapp), Adams, Acosta (83' Gall), Moore; Pulisic (83' Lletget), Sargent (62' Wood). Ct: Sarachan



Ammoniti: De Sciglio (I), Moore (U), Cannon (U), Acosta (U), Sensi (I)



Usa (3-5-2): Horvath; Carter-Vickers, Zimmerman, Long; Cannon (75' Villafana), Delgado (62' Trapp), Adams, Acosta (83' Gall), Moore; Pulisic (83' Lletget), Sargent (62' Wood). Ct: Sarachan

Ammoniti: De Sciglio (I), Moore (U), Cannon (U), Acosta (U), Sensi (I)




All’ultimo respiro la decide Politano. È l’esterno interista, entrato in campo per Lasagna da una manciata di minuti, a riportare il gol e il sorriso all’Italia di Roberto Mancini. Vittoria nell’amichevole di Genk per gli Azzurri, reduci dallo 0-0 di San Siro contro il Portogallo che ha consegnato le Final Four della Nations League alla squadra di Santos, un successo maturato ai titoli di coda nell’ultimo impegno del 2018. Nella serata dei debuttanti (Sensi, Grifo e Kean) e delle occasioni sprecate, copione già registrato nell’uscita precedente, il neoentrato Politano consegna un successo prezioso per morale e ranking: la vittoria centrata in Belgio avvicina infatti la prima fascia della Nazionale verso Qatar 2022, ulteriore passo verso la rinascita del nostro calcio.

Nella città che ospita una delle realtà più virtuose in Europa nella produzione di talenti, Mancini presenta un undici inedito tra novità e giovani: 7 new entry rispetto alla sfida contro il Portogallo, debutto assoluto (il 12° nell’era del nuovo Ct) per Stefano Sensi affiancato da Barella e Verratti. Si rivedono Sirigu, Emerson e De Sciglio, davanti spazio al tridente costituito da Lasagna con Chiesa e Berardi ai suoi lati. Di fronte gli Stati Uniti altrettanto votati alla linea verde (22 anni e 71 giorni l’età media), formazione che inizialmente relega in panchina i figli d’arte Weah e Klinsmann. Davanti ad un pubblico prevalentemente italiano, presenza dettata dalla migrazione in Belgio dei nostri connazionali nel Dopoguerra per il lavoro nelle miniere, gli Azzurri ripartono da Federico Chiesa ovvero l’unico giocatore sempre utilizzato da Mancini. È l’esterno della Fiorentina l’uomo più attivo in attacco, pericoloso già al 3’ costringendo Horvath a chiuderlo in uscita. Si fa vedere anche Emerson Palmieri sulla sinistra, lui come Verratti sempre al centro delle operazioni. Azzurri che sfiorano nuovamente il gol al 14’ (Berardi di testa su cross di Chiesa) e soprattutto al minuto 18, quando Bonucci manca il tocco decisivo a pochi passi da Horvath. Netto il predominio dell’Italia per possesso palla e controllo del match, fraseggio che concede ulteriori chance per Emerson e Berardi: velenoso il sinistro dalla distanza dell’esterno del Sassuolo, occasione negata dall’attento Horvath. Prima dell’intervallo non mancano gli eccessi di nervi (tre ammoniti statunitensi in pochi minuti) e un’ultima velleità targata Verratti, tentativo che non risolve ancora il problema del gol. Mancini si gioca la carta Grifo (fuori Chiesa) ma lamenta gli errori sotto porta di Verratti e soprattutto Lasagna, fermato sul più bello dal portiere statunitense. Dall’altra parte è Sirigu a rispondere presente su Zimmerman, brivido archiviato dalle nuove occasioni create da Grifo e nuovamente Lasagna. Kean diventa il primo classe 2000 a debuttare nella Nazionale maggiore, ma a lasciare il segno è l’interista Politano: Verratti ispira un’azione nel cuore dell’area avversaria, pallone raccolto da Politano che non sbaglia davanti ad Horvath. Italia vittoriosa al 94’ come in Polonia, festa all’ultimo respiro per un gruppo dalla crescita costante

Commenti

Post popolari in questo blog

Icardi Inter, rinnovo e prestito al PSG. Le ultimissime news di calciomercato

Juve, Dybala ora ride: con CR7 è a 10 gol. E con l’Empoli vola... I due attaccanti bianconeri già a 5 reti ciascuno. La Joya, col morale a mille, su un campo che ama

Juventus:la nuova maglia divide il popolo bianconero.