Juventus, intervento perfettamente riuscito per Chiellini: rientro previsto fra sei mesi

Immagine
Il capitano bianconero si è sottoposto questo pomeriggio ad intervento chirurgico di ricostruzione del legamento crociato del ginocchio destro. Operazione perfettamente riuscita. Tempi di recupero stimati in sei mesi.

eseguito presso la clinica Hochrum di Innsbruck dal professor Christian Fink alla presenza del medico sociale della Juventus dott. Tzouroudis, è perfettamente riuscito e i tempi di recupero previsti sono di circa 6 mesi. Insomma, la rincorsa verso il rientro è ufficialmente partita. A 35 anni non sarà semplice, ma Chiellini è pronto all'ennesima battaglia della sua carriera. E chissà che non possa tornare al top per aiutare i suoi compagni nella seconda parte di stagione, quella più importante, oltre che per convincere Mancini in ottica Euro 2020.
La sua presenza contro il Napoli

Nell'ultimo match giocato dalla Juventus, quello contro il Napoli, Chiellini non ha potuto prendere posto in campo. Lo ha fatto in panchina, nonostante fossero passate solo 24 ore dal ter…

Real Madrid, ufficiale l'esonero di Lopetegui: Solari allenatore pro tempore













Il Real Madrid ha ufficializzato l'esonero di Julen Lopetegui, che chiude la sua avventura dopo pochi mesi con il 5-1 subito nel Clàsico contro il Barcellona. A sostituirlo sarà Santiago Solari, nominato allenatore pro tempore dai blancos.

Per accettare il Real Madrid ha dovuto rinunciare anche al Mondiale conquistato con la Spagna, ma l'avventura con i blancos è durata soltanto pochi mesi per Julen Lopetegui. Troppo pesante la sconfitta per 5-1 subita nel Clàsico contro il Barcellona, la terza consecutiva e addirittura la quarta nelle ultime cinque partite in Liga nelle quali non è arrivata neanche una vittoria. Nono posto con appena 14 punti collezionati in 10 gare e una crisi di gioco e di gol pesantissima. Risultati che hanno portato all'esonero di Julen Lopetegui, diventato ufficiale: "Il Consiglio d'amministrazione del Real Madrid C.F., riunitosi oggi il 29 ottobre 2018, ha accettato di rescindere il contratto che legava l'allenatore Julen Lopetegui con il club – si legge sul comunicato - Questa decisione ha come obiettivo di cambiare il momento della squadra quando ancora si possono raggiungere tutti gli obiettivi della stagione. Esiste una grande sproporzione tra qualità della rosa, con 8 candidati al Pallone d'Oro, e i risultati ottenuti dal club fino a oggi. Il club ringrazia Julen Lopetegui e tutto il suo team tecnico per i loro sforzi e il loro lavoro e augura loro il meglio nella loro carriera professionale".
Solari allenatore pro tempore

A sostituire Lopetegui sarà Santiago Solari, che fino a questo momento ha guidato il Castilla, seconda squadra del Real Madrid. Ex calciatore dei blancos, cresciuto da allenatore in casa: lo stesso percorso che ha portato Zinedine Zidane sulla panchina della prima squadra, con ben tre Champions League vinte consecutivamente. Il Real Madrid ha voluto riprendere il modello 'Zizou', puntando su Santiago Solari. L'argentino è stato nominato allenatore pro tempore: "Sarà provvisoriamente sostituito da Santiago Solari, che guiderà la prima squadra a partire domani, martedì", si legge sul comunicato dei blancos.
Le decisioni sbagliate di Lopetegui

L'allenatore - ha spiegato Marca - ha preso una serie di decisioni sbagliate. Non ha saputo mai motivare la squadra, senza riuscire a tirare fuori il meglio da diversi giocatori che non sono in condizioni atletiche ottimali come Varane e Bale. Nel Clasico, peraltro, l'ingresso di Lucas Vazquez è arrivato in ritardo e nonostante la squadra avesse richiesto altre sostituzioni, queste non sono arrivate. Al termine della partita, i giocatori si sono mostrati vicini all'allenatore, ma resta la poca intesa con il resto dello spogliatoio. Se, come ha detto Sergio Ramos, "il rispetto si guadagna e non s'impone", Lopetegui non è stato capace di guadagnarselo. La gestione di alcuni calciatori non è piaciuta nemmeno alla dirigenza. A partire da Vinicius, nemmeno in panchina col Barcellona, fino ad arrivare a Odriozola, quarta scelta dopo Nacho e Vazquez, dopo che lo stesso allenatore lo aveva inserito nella lista dei convocati per i Mondiali di Russia. Inoltre, aver insistito troppo su elementi che si sapeva non essere al meglio della condizione è stata una scelta fallace. Varane ha disputato un ottimo Mondiale ma è tornato fuori forma. Bale non è in fiducia e non brilla nemmeno dal punto di vista fisico, che è sempre stato uno dei suoi punti di forza. Più volte nel corso della stagione era già successo che come contro il Barcellona, il Real Madrid scendesse in campo soltanto nella ripresa. E spesso è troppo tardi: cambiare all'intervallo, modificando anche l'assetto, difficilmente permette di portare a termine l'obiettivo, perché poi sopraggiunge la poca lucidità, specialmente nei calciatori che stanno facendo maggiore fatica.
Calo generale

La partenza di Cristiano Ronaldo e il conseguente calo generale di prestazioni da parte anche dei migliori elementi come Ramos, Kroos, Modric e Marcelo ha contribuito notevolmente ad acuire le difficoltà incontrate in questi mesi. Di fatto, tra colpe e eventi avversi, né Lopetegui né il Real hanno trovato ciò che volevano l'uno dall'altro. E ormai l'avventura dell'ex commissario tecnico sembra decisamente giunta al termine.

Commenti

Post popolari in questo blog

Icardi Inter, rinnovo e prestito al PSG. Le ultimissime news di calciomercato

Juve, Dybala ora ride: con CR7 è a 10 gol. E con l’Empoli vola... I due attaccanti bianconeri già a 5 reti ciascuno. La Joya, col morale a mille, su un campo che ama

Juventus:la nuova maglia divide il popolo bianconero.