Juve, Demiral si presenta: "Essere qui un sogno, voglio restare a lungo. Chiellini idolo"

Immagine
Il difensore turco si è presentato in conferenza stampa come nuovo giocatore bianconero: "Questo è un club importantissimo, essere qui è una fortuna. Gioco con i migliori difensori al mondo e con Chiellini, il mio idolo. Spero di rimanere a lungo e guadagnarmi una maglia da titolare. Il paragone con Montero? Un onore".

Nel precampionato è stato tra i più positivi del pacchetto arretrato juventino e per lui la società bianconera ha ricevuto diverse offerte sul mercato. Il futuro di Merih Demiral, però, sarà alla Juventus. Il difensore turco, arrivato dal Sassuolo, si è presentato ufficialmente in conferenza stampa come nuovo giocatore bianconero. Tanta emozione per Demiral, che non ha nascosto le sue ambizioni: "Sono felicissimo di essere qui – ha esordito il difensore classe ’98, che indosserà la maglia numero 28 -, la Juventus è una società importantissima ed essere qui per me è una fortuna. Spero di riuscire ad adattarmi al più presto, ho fatto molti sacrifici per arri…

Napoli Roma 1-1, gol e highlights. Mertens risponde a El Shaarawy al 90°

Risultati immagini per napoli roma

Un ottimo Napoli crea tantissimo ma trova la rete solo allo scadere, con Mertens. Di El Shaarawy il momentaneo vantaggio della Roma. Juve a +6 sulla squadra di Ancelotti.

NAPOLI-ROMA 1-1

14' El Shaarawy (R), 90' Mertens (N)

Napoli (4-4-2): Ospina; Hysaj (70' Malcuit), Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Hamsik (75' Zielinski), Fabian Ruiz; Insigne, Milik (56' Mertens). All: Carlo Ancelotti.

Roma (4-2-3-1): Olsen; Santon, Manolas (75' Fazio), Juan Jesus, Kolarov; De Rossi (43' Cristante), Nzonzi; Under (64' Florenzi), Lo. Pellegrini, El Shaarawy; Dzeko. All: Di Francesco.

Ammoniti: Dzeko, Nzonzi, Manolas, Olsen, Pellegrini



Un Napoli bello, propositivo, ancelottiano: crea tanto, disegna trame avvolgenti, confonde la Roma con la sua manovra. Eppure, alla fine, è solo 1-1 al San Paolo, e gli azzurri devono anche ringraziare il gol allo scadere di Mertens, perché altrimenti a quest'ora staremmo parlando di una sconfitta: immeritata, ma pur sempre sconfitta. A condannare il Napoli poteva essere l'unica grande distrazione di tutta la gara, dopo nemmeno 15' di gioco, quando un buco difensivo sulla destra spiana la strada a Under, che serve al centro il liberissimo El Shaarawy regalandogli (d'altra parte il Faraone ha appena festeggiato il compleanno e aveva chiesto come regalo proprio un gol al Napoli) l'1-0 su un piatto d'argento.

Superato lo shock, il Napoli riprende a creare, con pazienza e costanza: un'occasione dopo l'altra, tentativi a ripetizione, con la Roma che intanto si rintana sempre più, fino quasi a rinunciare ad attaccare nella ripresa. Nonostante la mole di gioco, però, gli azzurri non vanno oltre due gol in fuorigioco e una serie infinita di palle che piovono nell'area giallorossa senza essere scaricate in rete. Finché, all'ultimo respiro, una girata sporca di Callejon nel cuore dell'area non diventa un assist per Mertens, che si avventa sul secondo palo e fa 1-1. A ringraziare una Roma bruttina e a un passo dal colpaccio è soprattutto la Juve, adesso a +6 sugli azzurri. I giallorossi, a 15 punti, sono invece nel gruppone che insegue le prime quattro, insieme a Milan, Fiorentina, Samp e Sassuolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Juve, Demiral si presenta: "Essere qui un sogno, voglio restare a lungo. Chiellini idolo"

Juve-Napoli, tolto il divieto ai nati in Campania