Juventus, intervento perfettamente riuscito per Chiellini: rientro previsto fra sei mesi

Immagine
Il capitano bianconero si è sottoposto questo pomeriggio ad intervento chirurgico di ricostruzione del legamento crociato del ginocchio destro. Operazione perfettamente riuscita. Tempi di recupero stimati in sei mesi.

eseguito presso la clinica Hochrum di Innsbruck dal professor Christian Fink alla presenza del medico sociale della Juventus dott. Tzouroudis, è perfettamente riuscito e i tempi di recupero previsti sono di circa 6 mesi. Insomma, la rincorsa verso il rientro è ufficialmente partita. A 35 anni non sarà semplice, ma Chiellini è pronto all'ennesima battaglia della sua carriera. E chissà che non possa tornare al top per aiutare i suoi compagni nella seconda parte di stagione, quella più importante, oltre che per convincere Mancini in ottica Euro 2020.
La sua presenza contro il Napoli

Nell'ultimo match giocato dalla Juventus, quello contro il Napoli, Chiellini non ha potuto prendere posto in campo. Lo ha fatto in panchina, nonostante fossero passate solo 24 ore dal ter…

Milan Betis Siviglia 1-2, gol e highlights. Cutrone non basta a Gattuso. Decidono Sanabria e Lo Celso

Risultati immagini per milan betis

Dopo il derby, il Milan non si rialza. Brutto primo tempo per la squadra di Gattuso che va in svantaggio al 30' dopo il gol dell'ex Roma Sanabria. Il Betis Siviglia domina e va vicino al raddoppio che arriverà soltanto al 55': fantastico sinistro dalla distanza di Lo Celso. Cutrone la riapre all'83' ma è troppo tardi. Nel finale, i rossoneri chiedono un rigore per un fallo di Bartra su Castillejo, non concesso. Lo spagnolo viene poi espulso al 94'

MILAN-BETIS SIVIGLIA 1-2
30' Sanabria (B), 55' Lo Celso (B), 83' Cutrone


Milan (4-3-3): Reina; Calabria, Zapata, Romagnoli, Laxalt; Bakayoko (46' Cutrone), Biglia (80' Bertolacci), Bonaventura; Castillejo, Higuaín, Borini (46' Suso). Allenatore: Gennaro Gattuso

Betis Siviglia (3-5-2): Lopez; Mandi, Bartra, Sidnei; Barrajan, Lo Celso, Carvalho (92' Feddal), Canales, Junior; Sergio Leon (67' Tello), Sanabria (79' Moron). Allenatore: Quique Setien

Ammoniti: Romagnoli (M), Higuain (M), Canales (B), Lo Celso (B), Lopez (B)

Espulso Castillejo al 94'




L'effetto derby si fa ancora sentire. Il Milan non riparte neanche il Europa League, perde 2-1 a San Siro contro il Betis Siviglia e cede alla squadra di Quique Setien il primo posto nel girone F. Ora gli spagnoli guidano con 7 punti, davanti ai rossoneri che restano a 6. Grazie al 2-0 in Lussemburgo al Dudelange, l’Olympiacos si avvicina: i greci ora sono a -2 proprio dalla squadra di Gattuso. Per sottolineare il momento negativo di Higuain e compagni, basta citare due dati: il primo tiro del Milan verso lo specchio della porta avversaria è arrivato soltanto al 68'. L'altro, più generale: i rossoneri hanno perso due gare consecutive per la prima volta dal mese di dicembre 2017. Primo tempo dominato dal Betis Siviglia, che è passato in vantaggio al 30’ con un gol dell’ex Roma Sanabria, su assist di Lo Celso, e ha sfiorato in diverse occasioni il raddoppio.

Cutrone non basta
Rino Gattuso le prova tutte, compreso un cambio tattico: la difesa a tre in alcuni momenti della partita. A inizio ripresa doppia sostituzione: Cutrone e Suso per uno spento Bakayoko e Borini. Il Milan però non reagisce. Al 55' un grandissimo gol di Lo Celso dai 25 metri porta sul 2-0 il Betis. Sembrerebbe la fine, invece è proprio Cutrone a suonare la carica: gol all’83' e ultimi minuti di pressione per i rossoneri. Cutrone ha segnato tre reti in Europa League in questa stagione: solo Kai Havertz, che è più giovane di lui, ha realizzato almeno tre gol in questa competizione. L’arbitro non concede un calcio di rigore, chiesto dal Milan per l’atterramento di Castillejo da parte di Bartra. La squadra di Gattuso si innervosisce, lo spagnolo si fa espellere al 94’ per un brutto fallo su Lo Celso. La partita finisce così.

Commenti

Post popolari in questo blog

Icardi Inter, rinnovo e prestito al PSG. Le ultimissime news di calciomercato

Juve, Dybala ora ride: con CR7 è a 10 gol. E con l’Empoli vola... I due attaccanti bianconeri già a 5 reti ciascuno. La Joya, col morale a mille, su un campo che ama

Juventus:la nuova maglia divide il popolo bianconero.