Juventus, intervento perfettamente riuscito per Chiellini: rientro previsto fra sei mesi

Immagine
Il capitano bianconero si è sottoposto questo pomeriggio ad intervento chirurgico di ricostruzione del legamento crociato del ginocchio destro. Operazione perfettamente riuscita. Tempi di recupero stimati in sei mesi.

eseguito presso la clinica Hochrum di Innsbruck dal professor Christian Fink alla presenza del medico sociale della Juventus dott. Tzouroudis, è perfettamente riuscito e i tempi di recupero previsti sono di circa 6 mesi. Insomma, la rincorsa verso il rientro è ufficialmente partita. A 35 anni non sarà semplice, ma Chiellini è pronto all'ennesima battaglia della sua carriera. E chissà che non possa tornare al top per aiutare i suoi compagni nella seconda parte di stagione, quella più importante, oltre che per convincere Mancini in ottica Euro 2020.
La sua presenza contro il Napoli

Nell'ultimo match giocato dalla Juventus, quello contro il Napoli, Chiellini non ha potuto prendere posto in campo. Lo ha fatto in panchina, nonostante fossero passate solo 24 ore dal ter…

Comanda l'Italia: l'Europa ci sorride, lo spettacolo pure. Così torniamo al top



Juve, Napoli, Roma, Inter, Lazio, la Nazionale: il movimento è ripartito. Nella classifica Uefa lottiamo per il 2° posto, ora puntiamo quella Fifa.
La Juve dominante di Manchester. Il Napoli che mette sotto il Psg (almeno nel gioco) dopo il Liverpool. La Roma che si riprende dalla botta di Madrid e va in testa al gruppo. L’Inter che malgrado Barcellona ha la qualificazione in mano. E l’Italia reduce finalmente da una doppia sfida spettacolare, gran gioco e personalità. Se l’effetto Ronaldo è indiscutibile non soltanto per i bianconeri, se Ancelotti è un top player delle panchine, se il campionato è tornato "allenante", come ammette lo stesso Capello, se lo scenario insomma sta cambiando, non possiamo dire di essere usciti dal tunnel, perché certi discorsi si fanno solo alla fine, ma sono tanti, tantissimi, gli indizi di una svolta. Idee, risultati, mentalità, un calcio che sembra sentire meno quel complesso di inferiorità verso spagnoli, inglesi, tedeschi. Stiamo tornando, Europa.



RANKING UEFA Stiamo tornando anche nei ranking. In quello Uefa, per esempio. Eravamo primi nel ‘99, poi un lento crollo fino al 4° posto e infine la risalita. Per la prima volta da tempo immemore ci stiamo giocando il ruolo di inseguitori della Spagna, in un testa a testa con la ricca Premier, mentre la Germania è distante. Basta essere tra i primi 4 per avere 4 club in Champions (assicurati virtualmente fino al 2021), ma perché accontentarsi?



RANKING FIFAPiù complesso il discorso del ranking Fifa. Qui la caduta è stata inesorabile, fino al record negativo del 21° posto. Ieri, all’ultimo fixing, siamo risaliti al 19°. Sciocchezze? Solo prestigio? Il contrario, un posto in più può cambiarti la vita. Il ranking serve per il sorteggio di luglio delle qualificazioni a Qatar 2022. L’Uefa vorrebbe usare la Nations, e allora noi saremmo in prima fascia, ma di questi tempi non è che con la Fifa si scambino effusioni: Zurigo potrebbe imporre il ranking. E qui sarebbero guai. Le teste di serie sono 9, l’Italia oggi è 13a tra le europee: ha 6 partite (novembre, marzo e giugno) per tentare un recupero difficilissimo. Al momento ha già salvato la Serie A della Nations e s’è conquistata la prima fascia al sorteggio di Euro 2020.
NUOVA NAZIONALE Saranno fredde le cifre, ma spiegano bene, a modo loro, tutto quello che sta succedendo. In azzurro, per esempio, era dai tempi di Conte che non ci si entusiasmava: possesso, manovra elegante, doppio play, «tridente rotante». Mancini ha armi diverse da quelle dell’ex c.t. ma significano altrettanto studio, visione, coraggio. E non avrebbero successo se dal campionato non arrivassero suggerimenti importanti: il tentativo di "giocare" anche da parte di chi non ha i mezzi di Juve e Napoli; la tendenza ad attaccare; le partite senza più taciti accordi al risparmio; i giovani che crescono. Sembra di essere all’«anno uno» di una nuova era.
JUVE DOMINANTE Non si può negare che il simbolo sia la Juve, esaltata da Ronaldo, Cancelo, Bonucci e Can in un telaio già due volte finalista di Champions. Nessuno ha in Europa la sua varietà tattica e la ricchezza in panchina, sembra quasi non ci siano riserve, sembra il nuovo Real. Si vedono personalità e dimensione di "squadra": contro il Manchester la cosa più impressionante è stato il movimento collettivo, la Juve si spostava in blocchi armonici e in ogni zona le maglie bianconere sembravano il doppio di quelle rosse. Secondo i bookmaker è ancora seconda, dietro al City e davanti al Barça. Per noi ha più testa del City per un eventuale successo finale. Soprattutto non ha mai smesso di crescere, lo fa da sette anni.
NAPOLI SPETTACOLO La sua crescita sta trascinando il movimento. Se fino all’anno scorso l’Europa italiana era soltanto la Juve, esclusa la straordinaria semifinale della Roma, adesso ci ritroviamo con quattro squadre tutte teoricamente indirizzate verso gli ottavi, sempre in partita anche contro le big. E anche in Europa League la Lazio (strepitosa ieri) e il Milan (malgrado il Betis) possono qualificarsi. Non siamo più spaventati, arresi, sconfitti in partenza. Cominciando dal Napoli. Con Sarri il gioco era bellissimo ma si poteva affrontare un solo torneo, Ancelotti dà lezioni a Liverpool e Psg e compete anche in campionato con Allegri. Non era facile rivoltare, e forse migliorare, una squadra dopo tre anni di «full immersion» sarriana (e senza rinforzi). Chiamatelo CA7.
IL MOVIMENTOMeno esaltanti Roma e Inter, ma sempre in gioco: i giallorossi, in un gruppo non impossibile, hanno tutto per andare avanti, compreso uno Dzeko dallo spessore europeo conclamato. E l’Inter era in fondo all’appuntamento più difficile: sta crescendo, ha momenti di solidità da grande squadra, non l’abbatti facilmente. Se avesse un regista di ruolo (non per forza Modric, ma un Fabinho, un Ceballos, un Verratti, il nuovo Kovacic) potrebbe andare lontano, ma già Brozovic fa miracoli. Cresce tutto il movimento, osano gli Inzaghi, i De Zerbi, i Giampaolo, si evolvono i Barella, i Pellegrini, i Bernardeschi. Il vento, forse, soffia ancora.

Commenti

Post popolari in questo blog

Icardi Inter, rinnovo e prestito al PSG. Le ultimissime news di calciomercato

Juve, Dybala ora ride: con CR7 è a 10 gol. E con l’Empoli vola... I due attaccanti bianconeri già a 5 reti ciascuno. La Joya, col morale a mille, su un campo che ama

Juventus:la nuova maglia divide il popolo bianconero.