Juve-Napoli, tolto il divieto ai nati in Campania

Immagine
Così il Prefetto di Torino Claudio Palomba: "C'è stato un ravvedimento, ha prevalso il buon senso"

TORINO - Non saranno acquistabili dai residenti in Campania i biglietti di Juventus-Napoli, big match della seconda giornata di campionato. Lo ha stabilito il Gruppo Operativo di Sicurezza (GOS), che si è riunito oggi per definire le modalità di vendita dei tagliandi. Lo rende noto, sul proprio sito, la Juventus, criticata per avere anticipato nei giorni scorsi il divieto. Tra le disposizioni non compareinvece il divieto di vendita ai nati in Campania, che invece veniva annunciato nelle disposizioni rese note dalla Juve prima della riunione odierna del Gos.
Le parole del prefetto di Torino

Il Dott. Claudio Palomba, Prefetto di Torino, è intervenuto ai microfoni di CalcioNapoli24 Live in merito alla polemica sulla decisione di vietare la vendita dei biglietti per il match Juve-Napoli in programma all'Allianz Stadium il prossimo 31 agosto, non solo ai residenti, ma anche ai …

Nations League, Germania-Francia 0-0: Areola salva Deschamps

Pareggio senza reti nella prima partita della Nations League. Decisivo Areola che nel finale salva i campioni del mondo più di una volta. Per Deschamps pericolosi Griezmann e Giroud. Nei tedeschi torna in campo Sané dopo l’esclusione Mondiale.

GERMANIA-FRANCIA 0-0

TABELLINO

Germania (4-2-3-1): Neuer; Ginter, Boateng, Hummels, Rüdiger; Kimmich, Kroos; Müller, Goretzka (66' Gündogan), Reus (83' Sané); Werner. All: Löw
Francia (4-2-3-1): Areola; Pavard, Varane, Umtiti, Hernandez; Kanté, Pogba; Mbappé, Griezmann (80' Fekir), Matuidi (86' Tolisso); Giroud (66' Dembélé). All: Deschamps
Ammoniti: 88' Rüdiger (G)
Zero a zero in campo, e qualche punto in più per i tedeschi che nel finale sono andati vicini ad agguantare la prima vittoria nella Nations League. Botte di Griezmann e di Giroud contro i tiri di Hummels e Reus. Vincono le difese e vincono Neuer, ma soprattutto, Areola, eccezionale negli ultimi venti minuti di partita a negare per almeno due volte la rete ai tedeschi. Prima ancora a Hummels e poi a Muller più Ginter (in 1’). In una partita diesel iniziata a ritmi lenti e finita con tante occasioni e divertimento in campo. Alla fine indicazioni positive per entrambi. Deschamps sa che la sua squadra può fare male praticamente in ogni momento della partita (e in ogni partita). Mentre Löw si porta a casa un ottimo finale di gara, dove ha ritrovato grinta e voglia che aumentano i rimpianti per la leziosità vista nel Mondiale di Russia.

La partita

Contro ci sono proprio alfa e omega della Coppa del Mondo. Da una parte la Germania dal fallimento storico uscita nei gironi. Dall’altra i campioni del mondo che hanno vinto coi ragazzi prodigio già diventati campioni. E non è un caso allora che il primo tempo del match rifletta soprattutto gli stati d’animo delle due squadre reduci dall’avventura in Russia. Germania ancora forte ma conscia delle sue fragilità. Si nasconde dietro al solito possesso palla, e alla solita supremazia territoriale tedesca, ma senza riuscire mai ad essere veramente pericolosa. 60% di possesso e due squilli, di Werner (parato) e Hummels di testa (alto) che però non spaventano affatto Areola. La Francia invece aspetta, sa di essere forte e punge quando avanza. Pericoloso Giroud con un’incornata parata da Neuer e Mbappé con un cross basso che per poco non fa segnare lo stesso attaccante del Chelsea. Al break è così 0-0, senza troppo spettacolo.
Nella ripresa il ritmo sembra dunque cambiare padrone, con una Franca più coraggiosa sull’onda del buon finale di primo tempo e coi tedeschi ancora più timorosi. Non a caso al 49’ ancora campioni del mondo pericolosi con Griezmann, che riceve da Pavard in area di rigore e calcia però centrale col mancino. Nella Germania risposta affidata al solito Werner che salta ancora l’uomo sul fondo ma senza mai trovare l’anticipo di un compagno. Dunque nuovo botta e risposta in campo: sempre Griezmann spara da fuori e sempre Neuer gli dice di no. E sulla ripartenza è Reus a sfiorare il gol trovando la punta dei guantoni di Areola con un destro a giro dal limite. A questo punto primi cambi: dentro Dembélé e Gündogan, con la partita che inizia a movimentarsi negli ultimi venti minuti e con la Germania a farla da padrone. Prima pericoloso ancora Hummels con un destro respinto da Areola, che poi si ripete (e si supera) su Müller e Ginter nel giro di un minuto: strepitoso il guizzo sul colpo di testa del terzino di Löw sugli sviluppi di un corner. Negli ultimi istanti altri cambi in campo: con Fekir, Tolisso e il ritorno di Sané dopo l’esclusione Mondiale, ma senza il gol che deciderà il match.

Commenti

Post popolari in questo blog

Juve-Napoli, tolto il divieto ai nati in Campania

Champions league goal in trasferta e 5° cambio: l'Uefa valuta modifiche