Juve-Napoli, tolto il divieto ai nati in Campania

Immagine
Così il Prefetto di Torino Claudio Palomba: "C'è stato un ravvedimento, ha prevalso il buon senso"

TORINO - Non saranno acquistabili dai residenti in Campania i biglietti di Juventus-Napoli, big match della seconda giornata di campionato. Lo ha stabilito il Gruppo Operativo di Sicurezza (GOS), che si è riunito oggi per definire le modalità di vendita dei tagliandi. Lo rende noto, sul proprio sito, la Juventus, criticata per avere anticipato nei giorni scorsi il divieto. Tra le disposizioni non compareinvece il divieto di vendita ai nati in Campania, che invece veniva annunciato nelle disposizioni rese note dalla Juve prima della riunione odierna del Gos.
Le parole del prefetto di Torino

Il Dott. Claudio Palomba, Prefetto di Torino, è intervenuto ai microfoni di CalcioNapoli24 Live in merito alla polemica sulla decisione di vietare la vendita dei biglietti per il match Juve-Napoli in programma all'Allianz Stadium il prossimo 31 agosto, non solo ai residenti, ma anche ai …

Mancini e il capitano della Nazionale Italiana rilasciano un'intervista alla vigilia di Italia Polonia sfida valida per la Nations League

Le parole in conferenza stampa del Ct Roberto Mancini e di Giorgio Chiellini alla vigilia dell'esordio dell'Italia in Nations League contro la Polonia.
DOMANDA A MANCINI - Che ne pensi della Nations League?
Dobbiamo cercare di fare subito il massimo, sapendo che non sarà semplice, perché non abbiamo tempo da perdere. Per me va bene così, questo è un torneo che ci può dare delle soddisfazioni se noi ci mettiamo qualcosa in più.


DOMANDA A CHIELLINI - Sogni il traguardo delle 100 presenze in azzurro?
Non mi sono mai posto dei limiti. Sono contento di essere qui, che Mancini mi abbia chiamato. Se poi a ottobre non verrò più convocato, sarò comunque contento. Non mi do delle scadenze, vivo alla giornata e le 100 presenze non sono una priorità. Posso finire anche a 96 o 97 ed essere ugualmente orgoglioso del mio percorso. 
DOMANDA A MANCINI - Che Italia ti aspetti?
Al di là del modulo e di chi gioca, la squadra deve iniziare a giocare per vincere. Deve essere questa la nostra mentalità da questo momento, magari non ci riusciremo subito ma speriamo di farlo nel minor tempo possibile. L'Italia non si è qualificata non riuscendo a segnare con la Svezia, ma è anche questione di momenti. 

DOMANDA A MANCINI - Contento di giocare subito partite che valgono 3 punti?
È meglio giocare per i 3 punti e non per delle amichevoli, come accaduto fino ad oggi. Abituarsi a giocare per i 3 punti è importante, soprattutto per i tanti ragazzi giovani. Chiaramente l'asticella si alza, perché c'è in palio qualcosa d'importante. Si affrontano avversari sulla carta migliori di noi, ma si gioca per vincere il girone.
DOMANDA A CHIELLINI - Cosa ti ha spinto a continuare con la Nazionale?
Sono contento di essere tornato, ora non voglio pensare più al passato. Qualche valutazione l'ho fatta, consultando anche persone. Ne ho parlato con Buffon ma anche con Bonucci, che mi ha parlato tanto dell'ambiente. Ho trovato una grande atmosfera, con dei giovani che sono linfa vitale per noi. La Nazionale non si può rifiutare, ho grande entusiasmo e non sarò mai un problema per l'allenatore. Darò tutto me stesso con grande gioia.
DOMANDA A MANCINI - Ci saranno novità sul modulo rispetto alle gare precedenti?
Fino a ora i calciatori hanno giocato poche partite, chiaramente la condizione non è delle migliori. Non è importante il modulo, ma l'atteggiamento. Non c'è un modulo perfetto, con cui si vince sicuro: sarebbe troppo bello se ci fosse. Ma, ripeto, non è importante il modulo, ma l'atteggiamento con cui la squadra va in campo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Juve-Napoli, tolto il divieto ai nati in Campania

Champions league goal in trasferta e 5° cambio: l'Uefa valuta modifiche