Juve-Napoli, tolto il divieto ai nati in Campania

Immagine
Così il Prefetto di Torino Claudio Palomba: "C'è stato un ravvedimento, ha prevalso il buon senso"

TORINO - Non saranno acquistabili dai residenti in Campania i biglietti di Juventus-Napoli, big match della seconda giornata di campionato. Lo ha stabilito il Gruppo Operativo di Sicurezza (GOS), che si è riunito oggi per definire le modalità di vendita dei tagliandi. Lo rende noto, sul proprio sito, la Juventus, criticata per avere anticipato nei giorni scorsi il divieto. Tra le disposizioni non compareinvece il divieto di vendita ai nati in Campania, che invece veniva annunciato nelle disposizioni rese note dalla Juve prima della riunione odierna del Gos.
Le parole del prefetto di Torino

Il Dott. Claudio Palomba, Prefetto di Torino, è intervenuto ai microfoni di CalcioNapoli24 Live in merito alla polemica sulla decisione di vietare la vendita dei biglietti per il match Juve-Napoli in programma all'Allianz Stadium il prossimo 31 agosto, non solo ai residenti, ma anche ai …

CALCIO Kylian Mbappé scartato dal Chelsea nel 2012: "Non difendeva"

L'osservatore del Chelsea Serge Daniel Boga ha rivelato i motivi per cui il giovane fuoriclasse francese, ora al Psg, non fu ingaggiato dai Blues dopo un provino in cui aveva comunque impressionato positivamente: "Non ha mostrato sacrificio difensivo"

Una scelta che avrebbe potuto cambiare i rapporti di forza attuali in Europa. Kylian Mbappé nel 2012 è stato vicinissimo al Chelsea. Il giovanissimo calciatore francese, che vanta già un curriculum di assoluto livello, effettuò un provino a Cobham, centro di allenamento del club londinese, durante il quale sorprese un po' tutti. Quando gli chiesero però di tornare per una seconda volta, la madre rifiutò e i due non misero più  piede in Inghilterra. Lo ha rivelato a Goal l’osservatore del Chelsea Serge Daniel Boga che ha spiegato anche per quale motivo Mbappé non fu ingaggiato dai Blues: "Il Chelsea fu il primo club a offrirgli un provino. Prima del Real Madrid. Ha fatto un test e non ha convinto perché non ha mostrato sacrificio in difesa. Poi hanno chiesto a sua madre di tornare per un secondo provino e lei non ha voluto".
"Il mio ragazzo non tornerà, o lo comprano ora o entro cinque anni dovranno mettere sul tavolo 50 milioni di euro per acquistarlo", disse la madre di Mbappé, che a quel tempo giocava nel Bondy, un piccolo club della periferia di Parigi. Boga ha riconosciuto inoltre che gli allenatori del settore giovanile del Chelsea avrebbero voluto vederlo per analizzare gli aspetti difensivi. "E' stato molto abile ma in Inghilterra il pubblico vuole vedere il giocatore tornare in difesa e mostrare doti da grande lavoratore. All’epoca, non era ancora ok dal punto di vista difensivo. Quando riceveva palla era incredibile, ma senza palla non era molto bravo", ha aggiunto l’osservatore. "E’ il tipo di giocatore che tutti vorrebbero veder giocare, ha tutto il necessario per un giocatore moderno e potrà continuare a essere uno dei migliori nei prossimi 10 anni", assicura Boga. C’è da dire, però, che quando ha raggiunto i 19 anni, Mbappé vale molto di più dei 50 milioni di euro della previsione della madre.

Commenti

Post popolari in questo blog

Juve-Napoli, tolto il divieto ai nati in Campania

Champions league goal in trasferta e 5° cambio: l'Uefa valuta modifiche