Milan, ecco Daniel Maldini: per il figlio di Paolo prima volta tra i convocati

Immagine
Il rinnovo fino al 2024 di qualche giorno fa ne è stata la prima dimostrazione, la seconda è arrivata nella tarda serata: Daniel Maldini è nell’elenco dei 23 convocati per la partita contro il Napoli. Dalla lista mancano squalificati e infortunati, Calhanoglu e Borini per restare al reparto d’attacco, e Pioli ha pescato dalla Primavera il figlio dell’ex capitano.

E' la prima convocazione ufficiale con i grandi per il trequartista classe 2001, dopo aver trascorso con la prima squadra quasi tutto il ritiro estivo facendo anche bene nelle amichevoli. Siederà in panchina: e se fosse la serata del grande esordio?

Ronaldo, buona la prima. Lo ferma solo un grande Sorrentino

 Molto probabilmente la serie A   gliel’avevano descritta così. Squadre chiuse, campi di provincia difficili e tutti che cercano l’impresa con la sua Juve. E così è stata la prima di Cristiano Ronaldo, il faticoso 3-2 sul campo del Chievo. Il portoghese non ha segnato. Ci è andato molto vicino, ma ha perso i duelli con Sorrentino e con un Cacciatore in versione highlander.

LE CIFRE DELL’ALIENO — Cristiano ha chiuso con 4 tiri nello specchio della porta, 3 fuori, 1 respinto, 13 palle perse, 2 recuperate, 27 passaggi completati su 30 tentati, 2 occasioni create, 4 cross, 2 sponde, 2 spizzate, 6 verticalizzazioni, 1 fallo commesso e 2 subiti. Alex Sandro, con cui ha scambiato palla 16 volte, è il compagno con cui ha dialogato di più.
Cristiano è sempre stato nel cuore della partita, anche se il suo primo tocco, una sponda di prima per Cuadrado, è arrivato 5’ dopo il gol di Khedira. Ha sfiorato il 2-0 (palla fuori di nulla), ha cercato un sinistro difficile. Nella ripresa, specialmente dopo l’ingresso di Mandzukic, si è allargato sulla fascia sinistra ed è stato ancora più pericoloso. Due parate di Sorrentino (strepitosa la seconda dopo la giocata più bella della partita dell’ex Real), un grande intervento di Cacciatore in chiusura e il gol di Mandzukic (giustamente) annullato dopo un fallo di CR7 su Sorrentino. Un Ronaldo che non entra direttamente nei tre gol della Juve, ma è tremendamente dentro la partita. Nonostante il gran caldo, resta in campo 95’ ed è molto propenso al dialogo coi compagni. Le combinazioni con Dybala aprono campo agli inserimenti di Khedira e di due terzini molto offensivi come Cancelo e Sandro. La Juve lo cerca soprattutto dopo essere andata sotto e lui non si sottrae. Leader tecnico ed emotivo. Alla fine sembra stanco ma molto felice. Lo scorta fuori dal campo la sicurezza predisposta dal Chievo: dovrà abituarsi anche a questo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ronaldo, post per i 400 gol. E spunta il commento di Marcelo

Milan, ecco Daniel Maldini: per il figlio di Paolo prima volta tra i convocati

Domani il CR7 day, poi Godin e Marcelo