DYBALA: "Spero di poter tornare a giocare con Pogba

Immagine
Protagonista di un grande momento di forma con la maglia della Juventus, Paulo Dybala, attaccante della nazionale argentina, parla, intervistto da "OTRO", del rapporto con un suo ex compagno in bianconero, Paul Pogba: "Io e Paul abbiamo un bel rapporto e quando lui giocava qui cercavamo continuamente un modo di festeggiare nuovi gol. Ne abbiamo fatti tanti quindi i festeggiamenti cambiavano spesso. Spero che un giorno potremo festeggiare insieme di nuovo". Chissà se la Juve riuscirà ad "accontentare" la Joya.

Ronaldo, buona la prima. Lo ferma solo un grande Sorrentino

 Molto probabilmente la serie A   gliel’avevano descritta così. Squadre chiuse, campi di provincia difficili e tutti che cercano l’impresa con la sua Juve. E così è stata la prima di Cristiano Ronaldo, il faticoso 3-2 sul campo del Chievo. Il portoghese non ha segnato. Ci è andato molto vicino, ma ha perso i duelli con Sorrentino e con un Cacciatore in versione highlander.

LE CIFRE DELL’ALIENO — Cristiano ha chiuso con 4 tiri nello specchio della porta, 3 fuori, 1 respinto, 13 palle perse, 2 recuperate, 27 passaggi completati su 30 tentati, 2 occasioni create, 4 cross, 2 sponde, 2 spizzate, 6 verticalizzazioni, 1 fallo commesso e 2 subiti. Alex Sandro, con cui ha scambiato palla 16 volte, è il compagno con cui ha dialogato di più.
Cristiano è sempre stato nel cuore della partita, anche se il suo primo tocco, una sponda di prima per Cuadrado, è arrivato 5’ dopo il gol di Khedira. Ha sfiorato il 2-0 (palla fuori di nulla), ha cercato un sinistro difficile. Nella ripresa, specialmente dopo l’ingresso di Mandzukic, si è allargato sulla fascia sinistra ed è stato ancora più pericoloso. Due parate di Sorrentino (strepitosa la seconda dopo la giocata più bella della partita dell’ex Real), un grande intervento di Cacciatore in chiusura e il gol di Mandzukic (giustamente) annullato dopo un fallo di CR7 su Sorrentino. Un Ronaldo che non entra direttamente nei tre gol della Juve, ma è tremendamente dentro la partita. Nonostante il gran caldo, resta in campo 95’ ed è molto propenso al dialogo coi compagni. Le combinazioni con Dybala aprono campo agli inserimenti di Khedira e di due terzini molto offensivi come Cancelo e Sandro. La Juve lo cerca soprattutto dopo essere andata sotto e lui non si sottrae. Leader tecnico ed emotivo. Alla fine sembra stanco ma molto felice. Lo scorta fuori dal campo la sicurezza predisposta dal Chievo: dovrà abituarsi anche a questo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Derby d'Italia: Inter Juventus 1-2

Italia Usa 1-0: decide Politano al 94'. Debuttano Sensi, Grifo e Kean

Beppe Marotta all'Inter, intesa totale con Zhang. Ufficialità entro il 15 dicembre