Premio Uefa a Modric: ecco cosa ha fatto Cristiano Ronaldo a Torino

Deluso dalla scelta della Uefa di non premiarlo come miglior giocatore della passata stagione, il portoghese ha passato la serata in compagnia di amici e parenti. Che sui social hanno postato tutta la loro indignazione.

Un’ingiustizia, una grande delusione che solo l’affetto dei parenti e degli amici più stretti poteva aiutare a smaltire. Così Cristiano Ronaldo ha vissuto la mancata assegnazione del premio Uefa per il miglior giocatore della passata stagione (riconoscimento andato al suo ex compagno nel Real Madrid, Luka Modric) e così il campione portoghese ha deciso di vivere quella serata: assente alla cerimonia di premiazione (dove evidentemente era atteso fino all’ultimo, cosa che spiegherebbe il piccolo ritardo con cui è iniziata), CR7 si è rifugiato nell’affetto dei suoi cari. Ha scelto di rimanere a Torino, una cena con amici e collaboratori, come testimoniato dai loro post sui social. Leggendo i quali però traspare anche una netta sensazione, da parte del “clan” che circonda CR: che la decisione della Uefa abbia in qualche modo a che vedere con un’altra decisione, quella presa dallo stesso Ronaldo in estate di lasciare il Real Madrid. Probabile che anche il giocatore ritenga che le due cose possano essere collegate, e da qui quel senso di ingiustizia che l’ha portato alla decisione di disertare la premiazione, anche se CR ha lasciato che a parlare fossero gli amici.

supporto degli amici

Il primo post apparso su Instagram in serata è quello di uno dei suoi più stretti collaboratori, che spende per Cristiano Ronaldo parole da amico vero: “Sempre con te, in tutti i momenti”, accompagnato da quell’hashtag, #goat (l’acronimo in inglese che sta a significare “il migliore di tutti i tempi”), che non lascia dubbi sulla scelta di manifestare la propria amicizia proprio in questo momento. “Il migliore resti tu”, premio o non premio, il messaggio in sintesi che hanno voluto recapitare gli amici del portoghese con i loro attestati.
E se il fratello sceglie la via della frase sibillina, ricordandoci che si possono comprare tante cose, ma non una vera amicizia, lo storico amico e collaboratore di CR, Miguel Paixao, si abbandona a un vero e proprio sfogo con tanto di immagine inequivocabile che riporta gli impressionanti numeri di Ronaldo nell’ultima stagione: “Per favore non scherziamo con il talento, il lavoro e il sacrificio di chi ci regala anno dopo anno risultati storici sia a livello collettivo che individuale, e nell'ultimo anno non è stato diverso, portando il Real Madrid alla conquista di un’altra Champions”, il suo post, che termina con un chiarissimo “Nella mia terra questo si chiama furto”.

Commenti