Corona virus: Mihajlovic positivo al ritorno a Bologna è asintomatico, ora due settimane di isolamento

Immagine
Sinisa Mihajlovic è risultato positivo al Covid-19 al tampone di controllo a cui è stato sottoposto dopo il rientro di venerdì scorso a Bologna. A comunicarlo è stato lo stesso club rossoblù in una nota ufficiale. Secondo quanto riferisce la società, il tecnico serbo, 51 anni, è assolutamente asintomatico: come previsto dal Protocollo Nazionale, resterà in isolamento per le prossime due settimane.

Sono stati effettuati in questi giorni anche i tamponi sul gruppo squadra della Primavera, risultati tutti negativi. Domani, il giorno in cui è in programma il raduno a Casteldebole in vista della nuova stagione, saranno effettuati i test sui giocatori e i collaboratori della Prima squadra. Circa un anno fa il tecnico del Bologna annunciò di essere affetto da leucemia ed è stato sottoposto anche a un trapianto di midollo.

Maldini al centro del nuovo progetto Milan





Nel giro di poche settimane in casa rossonera è cambiato tutto, ma il ritorno di Paolo Maldini in società è un certificato di "rossonerità" sul progetto di Elliott.
Rispetto a un mese fa i tifosi rossoneri sembrano vivere in un’altra epoca. Si parlava di fidejussioni, trasferimenti bancari, aumenti di capitale, Europa bloccata. Ora si guarda al futuro con una serenità e una consapevolezza completamente diverse. E l’arrivo di Paolo Maldini è uno dei motivi. Perché proprio lo stesso Capitano aveva declinato, nonostante il grande pressing, le avances di Fassone per entrare a far parte del Milan targato Yonghong Li gettando e seminando i primi (o secondi, dipende dalla vostra sensibilità) dubbi sulla solidità del progetto cinese. Aver accettato ora è come se fosse una certificazione di “rossonerità” sul disegno Elliott. È vero: il suo ruolo, almeno nella specifica ufficiale, non è chiaro né immediato. Ma questo sembra il Milan dei milanisti, molto di più di quello della passata stagione.
Leonardo si è presentato subito con un’occasione da cogliere che non si è lasciato sfuggire: l’accoppiata Higuain-Caldara. Ora insieme a Paolo dovrà affrontare sfide più complicate e difficili: sistemare i tre attaccanti in sovrannumero (Kalinic, André Silva e Bacca: per il croato c’è sempre l’Atletico Madrid) e perfezionare la rosa con una mezz’ala che aumenti il passo e i giri in mezzo al campo. E non sarà semplice, perché mancano due settimane scarse alla fine del mercato e perché i due dirigenti sono entrati a macchina abbondantemente in corsa. Ma quello che serviva in questo momento è gettare le basi, riprendersi la fiducia del popolo milanista e creare di nuovo quel feeling che si era perso nella fase finale della stagione, complici risultati e conti.
Il Milan, in teoria, può iniziare anche così la stagione e nessuno ne farebbe una colpa a Leonardo e Maldini. Bisogna essere abbastanza elastici per capire che non si può cambiare molto con così poco tempo a disposizione. E allo stesso tempo capire che l’arrivo di Higuain ha già regalato al Milan quel peso in avanti che gli era mancato nella passata stagione, nonostante l’esplosione di Cutrone. Gattuso parla di una squadra pronta al 90% e fa bene. Perché questi sono i suoi uomini, la maggior parte dei quali hanno lavorato con lui durante la preparazione estiva, altro particolare da non sottovalutare. Perché se in un gruppo formato devi inserire soltanto un paio di elementi di assoluto livello diventa anche più facile proseguire nella costruzione. Poi Gattuso dovrà essere bravo (come lo è stato) ad arrivare al mercato di gennaio, dove – verosimilmente – il Milan avrà le idee ancora più chiare. Ma non corriamo troppo avanti.
Il Milan di Leonardo e Maldini ha bisogno di funzionare sin da subito. La freschezza e le idee (oltre che alle capacità) possono fare la differenza. La stabilità aziendale può essere un punto di forza, da cavalcare. La cui eco arriva sicuramente sul campo. Ecco perché è importante il ritorno in rossonero di Paolo. È un biglietto da visita, è una garanzia. È la capacità di essere stati subito convincenti con gli scettici. Poi ovvio, Maldini, non scende in campo. A quello ci penseranno Higuain e i suoi (nuovi) fratelli. Con un esempio in più da seguire.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Milan, ecco Daniel Maldini: per il figlio di Paolo prima volta tra i convocati

Juve, Demiral si presenta: "Essere qui un sogno, voglio restare a lungo. Chiellini idolo"