Corona virus: Mihajlovic positivo al ritorno a Bologna è asintomatico, ora due settimane di isolamento

Immagine
Sinisa Mihajlovic è risultato positivo al Covid-19 al tampone di controllo a cui è stato sottoposto dopo il rientro di venerdì scorso a Bologna. A comunicarlo è stato lo stesso club rossoblù in una nota ufficiale. Secondo quanto riferisce la società, il tecnico serbo, 51 anni, è assolutamente asintomatico: come previsto dal Protocollo Nazionale, resterà in isolamento per le prossime due settimane.

Sono stati effettuati in questi giorni anche i tamponi sul gruppo squadra della Primavera, risultati tutti negativi. Domani, il giorno in cui è in programma il raduno a Casteldebole in vista della nuova stagione, saranno effettuati i test sui giocatori e i collaboratori della Prima squadra. Circa un anno fa il tecnico del Bologna annunciò di essere affetto da leucemia ed è stato sottoposto anche a un trapianto di midollo.

Champions League, arriva il Var? La Uefa potrebbe introdurlo dagli ottavi dell'edizione 2018/19

Risale allo scorso marzo la bocciatura di Aleksander Ceferin, presidente della Uefa, che respinse il ricorso alla tecnologia nella competizione europea più importante. No al Var per l’edizione 2018/19 della Champions League, quantomeno secondo quanto deciso pochi mesi fa. Se i motivi sul parere negativo vennero attribuiti all’assenza del Video Assistant Referee nella maggior parte dei campionati, difficoltà che ne avrebbero reso complicata l’applicazione in chiave internazionale senza trascurare i costi per adottarla, la "confusione" indicata da Ceferin potrebbe essere archiviata proprio nell’edizione che verrà. Merito del successo ottenuto ai Mondiali in Russia, rassegna che ha accolto l’ausilio dello strumento da parte della Fifa a differenza della Uefa.

Secondo quanto scrive il Times, i vertici del calcio europeo sono rimasti impressionati dai miglioramenti arbitrali riscontrati nella Coppa del Mondo. È quindi probabile che il tema verrà discusso la settimana prossima a Montecarlo a margine dei sorteggi di Champions ed Europa League, mentre una decisione definitiva dovrebbe essere presa dal Comitato esecutivo di fine settembre. Il tabloid britannico ipotizza l’eventuale introduzione dai quarti di finale poiché coinvolgerebbe strutture adeguate (nonché un numero minore di arbitri delegati), tuttavia l’avvento dagli ottavi sarebbe una scelta più coerente trattandosi di una fase ad eliminazione diretta. Tra l'altro, dopo le recenti dimissioni di Pierluigi Collina, ex responsabile della commissione arbitrale Uefa per 8 anni, la carica è stata ereditata da Roberto Rosetti. Un nome molto legato al progetto Var quello del 50enne torinese, "padre" della tecnologia in Italia destinata a trovare spazio in Europa. È solo questione di tempo per l’adozione su scala internazionale, innovazione che tuttavia pretende la formazione e la preparazione della classe arbitrale. Così è già accaduto in Serie A, rivoluzione che ha convinto in Russia e punta alla Champions League.

Commenti

Post popolari in questo blog

Milan, ecco Daniel Maldini: per il figlio di Paolo prima volta tra i convocati

Juve, Demiral si presenta: "Essere qui un sogno, voglio restare a lungo. Chiellini idolo"