Juve, Demiral si presenta: "Essere qui un sogno, voglio restare a lungo. Chiellini idolo"

Immagine
Il difensore turco si è presentato in conferenza stampa come nuovo giocatore bianconero: "Questo è un club importantissimo, essere qui è una fortuna. Gioco con i migliori difensori al mondo e con Chiellini, il mio idolo. Spero di rimanere a lungo e guadagnarmi una maglia da titolare. Il paragone con Montero? Un onore".

Nel precampionato è stato tra i più positivi del pacchetto arretrato juventino e per lui la società bianconera ha ricevuto diverse offerte sul mercato. Il futuro di Merih Demiral, però, sarà alla Juventus. Il difensore turco, arrivato dal Sassuolo, si è presentato ufficialmente in conferenza stampa come nuovo giocatore bianconero. Tanta emozione per Demiral, che non ha nascosto le sue ambizioni: "Sono felicissimo di essere qui – ha esordito il difensore classe ’98, che indosserà la maglia numero 28 -, la Juventus è una società importantissima ed essere qui per me è una fortuna. Spero di riuscire ad adattarmi al più presto, ho fatto molti sacrifici per arri…

Europeo Under 19, Azzurrini a caccia del trono: ultimo ostacolo il Portogallo


Da ottobre a giovedì scorso, giorno della semifinale contro la Francia, la Nazionale Under 19 non ha conosciuto ostacoli: tra primo turno, Elite Round e fase finale, otto vittorie e due pareggi in dieci partite. Resta un solo passo da compiere, per tornare sul trono d'Europa a distanza di 15 anni dal primo e unico trofeo: battere il Portogallo, domani a Seinajoki (Finlandia), proprio come nel 2003 fece la squadra guidata da Paolo Berrettini. Ne facevano parte Chiellini, Aquilani, Padoin e Pazzini (autore del primo gol nel 2-0 finale, il secondo fu di Della Rocca), ma anche giocatori che non hanno proseguito la carriera nei professionisti (tra questi, curioso il caso di Adriano D'Astolfo, che ora gioca nei dilettanti dell'Ostiamare), o che hanno visto la loro carriera compromessa per il calcioscommesse (come il portiere Marco Paoloni). Si gioca alle 18.30, diretta su Rai2: partiranno per l'occasione il subcommissario della Figc, Alessandro Costacurta, il d.g. Michele Uva e il tecnico dell'Under 21, Gigi Di Biagio
Quella dei '99 (ma piena di ragazzi sotto età) è una squadra che promette bene, e spera di superare ancora il Portogallo come accaduto nella fase a gironi. Finì 3-2, ma la squadra di Paolo Nicolato ebbe il vantaggio di giocare quasi tutta la partita in superiorità numerica. "Sarà un'altra partita - dice il tecnico ex Chievo, al secondo anno nei quadri federali -. La nostra vittoria precedente vale zero. Il Portogallo ha caratteristiche simili a quelle dei francesi: gioca un calcio molto d’attacco, è dotato di un ottimo palleggio ed è letale dalla tre quarti in su. Domani dovremo aspettarci una squadra che giocherà con la voglia matta di riscattare l’unica sconfitta subita da due anni in manifestazioni ufficiali”. Due anni fa, il Portogallo si aggiudicò l'Europeo Under 17 con tanti giocatori in rosa che domani proveranno a fare il bis.
STELLINE - L'Italia, invece, deve riscattare il k.o. di due anni fa contro la Francia e quello di due mesi fa con l'Under 17, battuta in finale dall'Olanda ai rigori. Per farlo, Nicolato ha tante armi a disposizione: in porta c'è Plizzari, uno dei migliori azzurri in Finlandia, ma è davanti che la squadra può fare scintille. C'è Kean (autore del secondo gol con la Francia), c'è Pinamonti, tornerà Scamacca dopo la squalifica, ma nel reparto offensivo Nicolato può contare anche su Brignola e Capone. A centrocampo, hanno fatto un figurone Zaniolo (passato dall'Inter alla Roma nell'affare Nainggolan) e Tonali, a cui molti hanno già incollato l'adesivo di "nuovo Pirlo". Sandro, capelli lunghi, andatura simile al maestro e talento enorme, non ha fatto nulla per sottrarsi al paragone.

Commenti

Post popolari in questo blog

Juve, Demiral si presenta: "Essere qui un sogno, voglio restare a lungo. Chiellini idolo"

Juve-Napoli, tolto il divieto ai nati in Campania